De Zerbi chiama le big: «Sono pronto da due anni»

© foto www.imagephotoagency.it

De Zerbi chiama le big: «Sono pronto da due anni». L’intervista realizzata con il tecnico del Sassuolo

Roberto De Zerbi, tecnico del Sassuolo, è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport.

BOGA – «Nell’uno contro uno ha pochi rivali al mondo. Anzi, nell’uno contro tre… Non conosceva l’esistenza della porta, faceva fatica a connettersi con i compagni, a far- si servire sulla corsa e a giocare senza palla. Lo abbiamo martellato. È gratificante vedere come è migliorato. Ha già segnato 8 gol, arriverà a farne stabilmente 15 a campionato».

FUTURO – «A me del contratto è sempre interessato poco. Però se non hai un contratto quando si devono fare programmi, è chiaro che possono aprirsi altri scenari. Ma io lavoro come se avessi 10 anni di contratto. In due anni abbiamo fatto crescere i giocatori, oggi la squadra è forte e ha margini per diventare più forte. Poi bisogna vedere i programmi del club. Dovesse arrivare la proposta di una grande, la considererei e verificherei se ci sono le condizioni per lavorare bene. Sono ambizioso, non arrivista. Pronto? Lo ero già due anni fa. Ma è anche vero che mi diverto molto ad allenare questi giocatori».

SIMEONE CONTRO KLOPP –  «L’Atletico ha un senso, non è solo difesa e contropiede. E poi non funziona che chi vince detta le regole. Uno deve avere convinzioni sue, più forti dei risultati. Se con il Foggia devo affrontare l’ultima in classifica e con il Benevento la Juve, preparo la gara allo stesso modo: per vincere. Poi con il Foggia cercherò di farlo nella metà cam- po avversaria, con il Benevento soprattutto nella mia. Ma non tolgo nulla al gioco. Modifico spesso, cambiare: mai».

POST CORONAVIRUS – «Uniti e attenti agli altri come sembriamo ora, mi auguro. E grati a chi ha combattuto per darci la libertà che oggi sembra persa. Io sono passionale, non vedo l’ora di tornare ad abbracciare e a stringere le persone che amo».