Elia ricorda la Juve: «La seguo ancora, un onore giocare con Buffon»

© foto www.imagephotoagency.it

Elia ricorda la Juve: «La seguo ancora, un onore giocare con Buffon». Le dichiarazioni dell’esterno olandese ex bianconero

Intervistato da gianlucadimarzio.com Eljero Elia, esterno olandese dell’Istanbul Basaksehir, è tornato a parlare della sua esperienza italiana alla Juventus.

JUVENTUS – «Arrivai a Torino troppo presto, volevo giocare ogni minuto. Avevo 24 anni ed ero impaziente, ma non è stata un’esperienza negativa. I tifosi, gli italiani, il club. Tutto fantastico. Seguo sempre la Juve e ho ancora rapporti con chi è rimasto nel club».

BUFFON – «Il portiere più forte con cui abbia mai giocato, ancora decisivo a 42 anni. Vedo le parate che fa e mi chiedo come faccia. È stato un onore giocare con lui, un signore».

SCHERZO PIRLO – «Nello spogliatoio ero seduto tra Del Piero e Pirlo, si prendevano cura di me… ma quanti scherzi! Una volta Andrea svuotò l’intero barattolo di sale sul mio piatto di pasta. Dopo una settimana provai a farglielo io, ma mi rincorse per tutta Vinovo».

CONTE – «Non è vero che non ci parlavamo, avevamo un buon rapporto. Chiaro, volevo giocare sempre ed ero deluso di restare in panchina, ma non ero pronto. Siamo due vincenti, lo rispetto. È un brillante allenatore».

UN RAGAZZO TRA I CAMPIONI – «Nel 2010 avevo giocato la finale del Mondiale persa contro la Spagna, ma in confronto a Chiellini, Lichtsteiner, Vidal, Pirlo e Del Piero ero un novellino. Dovevo imparare. Quando sei giovane vuoi solo giocare e non capisci, ti arrabbi, tieni il muso, ma dopo 8 anni posso dire che la Juve ha arricchito la mia vita. Torino è stato il punto di partenza, tant’è che poi al Feyenoord ho vinto da protagonista. Poi conosciuto l’Italia e imparato la lingua».

FUTURO IN ITALIA – «Voglio tornare in Serie A e far vedere a tutti chi sono. Voglio vincere il titolo con l’Istanbul e fare bene in Europa League, poi sarò libero di scegliere dove andare. Il mio agente sta parlando con alcuni club italiani, ma non posso dire nulla». 

Condividi