Emergenza Coronavirus: l’autorità Antitrust indaga sui rimborsi di Serie A

© foto www.imagephotoagency.it

Emergenza Coronavirus: l’autorità Antitrust indaga sui rimborsi di Serie A. Un’indagine ben più vecchia della diffusione del virus

Tra i maggiori argomenti di polemiche durante l’emergenza Coronavirus nel mondo del calcio c’è sicuramente quello dei rimborsi. A parlarne è Repubblica che sottolinea le operazioni delle autorità Antitrust.

RIMBORSI«A gennaio 2020, prima ancora che emergesse il problema del coronavirus, l’Autorità Antitrust ha aperto una formale indagine su nove club di Serie A. Tra questi c’è anche l’Atalanta che però, in queste ore, sta rimborsando i biglietti della sfida al Sassuolo. L’Autorià Antitrust si muove per la prima volta un anno fa, a marzo del 2019. Un’associazione di consumatori e singoli sportivi denunciano che i contratti di acquisto degli abbonamenti e di singoli biglietti sarebbero “vessatori”, cioè penalizzanti per i tifosi. Svariati club negano il rimborso anche nel caso di rinvio del match. A questo punto, i funzionari dell’Autorità Antitrust vanno in Internet ed esaminano i contratti di tutte le squadre di Serie A (stagione sportiva 2018-2019). l’Autorità Antitrust è costretta ad aprire un’indagine formale – un “procedimento istruttorio” – su Atalanta, Cagliari, Genoa, Inter, Lazio, Milan, Juventus, Roma e Udinese».

Condividi