Emergenza Coronavirus, Zola: «C’è poco da scherzare»

gianfranco zola
© foto www.imagephotoagency.it

Gianfranco Zola, ex giocatore di Cagliari e Parma, parla dell’emergenza Coronavirus anche dal punto di vista inglese

Gianfranco Zola parla dell’emergenza Coronavirus: ecco le sue parole in un’intervista per La Gazzetta dello Sport.

CORONAVIRUS – «Qui a Londra vedo pub, ristoranti, negozi aperti. Le piazze e le vie dello shopping sono affollate, pare tutto normale. E invece viviamo uno dei passaggi più difficili dal dopoguerra. Siamo tranquilli, ma sarei più sereno se riuscissi a tornare. Vedremo. Serve collaborazione e rispetto per il prossimo. Chi fa sport conosce il concetto di gioco di squadra. Ecco, ora il singolo non conta. Si vince se si rema dalla stessa parte».

CALCIATORI POSITIVI – «Nessuno è o può considerarsi immune. Esporsi significa mettere a rischio gli altri. Anche in A, alcuni club e vari calciatori, da Rugani a Vlahovic e altri, sono in quarantena. Credo ci sia poco da scherzare. Spero che anche qui accelerino su prevenzione e sicurezza».

Condividi