Emre Can: «Non vedevo l’ora di essere qui. Allegri è un grandissimo allenatore»

© foto www.imagephotoagency.it

Emre Can è ufficialmente un giocatore della Juve e sui social ha espresso tutta la sua felicità per essere arrivato in bianconero

Dopo aver firmato il contratto che lo legherà alla Juventus per i prossimi 4 anni, Emre Can si è affidato al profilo Instagram bianconero per esternare le sue prime sensazioni da giocatore della Juve. Ecco il messaggio del tedesco: “Ciao ragazzi, sono Emre e sono ufficialmente un giocatore della Juventus. Non vedevo davvero l’ora di essere qui, spero di vincere Forza Juve”.

Emre Can ha poi rilasciato una breve intervista attraverso il profilo Twitter della Juventus«Questo è un giorno fantastico per me, uno dei più belli della mia vita. Sono molto felice di essere qui e ovviamente si percepisce subito la grandezza di questo club. Sono appena stato al JMedical, una struttura grandissima, così come lo è la sede della società. Perchè la Juve? Perché la Juventus è un grandissimo club. Seguo la squadra sin da quando ero piccolo, la Juventus è abituata a vincere titoli e questo è quello che voglio fare anch’io. 

Se dico la parola Juventus cosa ti viene in mente? Il mio vecchio allenatore. Quando ero piccolo, avrò avuto sei anni, il mio allenatore mi disse che un giorno avrei giocato nella Juventus e oggi sono qui. Non lo dimenticherò mai e sono veramente felice di essere qui e spero che insieme potremo divertirci e vincere molti trofei».

Su Allegri«Tutti sanno che vince praticamente ogni competizione a cui partecipa, è veramente un grandissimo allenatore. Si ho parlato con lui ed è stata una conversazione positiva. Non vedo l’ora di iniziare a lavorare con lui».

Infine sulla scelta del numero 23«In dall’inizio avevo detto al mio agente che se fosse stato possibile avrei voluto indossare il 23. È un numero che mi ha sempre portato bene, mi piace è un numero che è stato portato da molte leggende in passato».

Articolo precedente
La Croazia stende l’Argentina: Albiceleste a un passo dall’eliminazione
Prossimo articolo
Rabiot, il piccolo ribelle accostato sempre alla Juve