Gattuso: «Abbiamo regalato il gol a Cristiano Ronaldo»

© foto www.imagephotoagency.it

Gattuso: «Abbiamo regalato il gol a Cristiano Ronaldo». Le parole del tecnico del Napoli dopo la vittoria con la Juve

Gennaro Gattuso ha parlato a Sky Sport dopo la vittoria con la Juventus.

VITTORIA – «Stasera vado a casa e ancora ripenso alla partita con la Fiorentina, non mi capacitavo. Oggi il risultato è giusto, ma bisogna pedalare perché di danni ne abbiamo fatti abbastanza negli ultimi mesi. E’ per questo che ho detto che deve finire presto il mercato, così si pensa al 100% al Napoli. Valiamo 27 punti, ci siamo inguaiati noi la vita. Complimenti ai ragazzi per quanto fatto in questi giorni, ma bisogna continuare. Se siamo sempre squadra la qualità viene fuori».

TATTICA – «Abbiamo fatto due fasi: quella di non possesso da grande squadra, con rispetto degli avversari. Per la prima volta le mezzali hanno aiutato coi tempi giusti i terzini per evitare i cross».

GOL RONALDO – «In questo momento non bisogna regalare nulla. Bisogna parlarsi, fare le cose coi tempi giusti. Dobbiamo lavorare durante la settimana per migliorare anche questo aspetto. Da quando sono arrivato abbiamo preso solo gol regalati e disattenzioni».

USCITA – «Io so che a Capello non piace il possesso, mi dice sempre che non bisogna copiare Guardiola. Ma a me piace perché mi consente di uscire dalla prima pressione, trovando così campo alle spalle per attaccare meglio. Non lo faccio tanto per far vedere che sono bravo a palleggiare».

OCCASIONI SPRECATE – «Sono molto arrabbiato. Secondo me Zielinski può diventare molto forte se migliora l’ultimo passaggio. Callejon è diverso perché gli piace giocare nella profondità. Oggi mi è piaciuto Milik, ma sicuramente abbiamo questo problema».

PALLE COPERTE – «Per giocare con la difesa alta, quando il difensore esce per accorciare la mezzala deve andare a fare il raddoppio».

PRESSING – «Con la Lazio e oggi non abbiamo fatto pressione ultra offensiva. In questo momento non ce lo possiamo permettere».

FATTORE MENTALE – «Io sono qui da poco tempo. Questa squadra si è fatta male da sola. Ora bisogna riportare l’entusiasmo e riempire lo stadio coi risultati e il bel gioco. Abbiamo preso tanti fischi e vaffa…. Ora bisogna pedalare e continuare su questa strada».

OBIETTIVI – «Penso alla giornata. Spero di recuperare i giocatori importanti. So che è una squadra forte ma non deve mancare il veleno. Una fase la facciamo bene, l’altra dobbiamo farla meglio».