GIRELLI: «Nel secondo tempo è venuto fuori il carattere» – VIDEO

Cristiana Girelli, attaccante della Juventus Women, ha parlato nel post-partita della sfida contro l’Empoli Ladies

(dal nostro inviato Marco Baridon) Cristiana Girelli, attaccante della Juventus Women, ha parlato dopo la vittoria alla prima giornata in rimonta contro l’Empoli Ladies. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

L’ANALISI«Non ci aspettavamo questo atteggiamento dell’Empoli, che si è dimostrato veramente aggressivo ed è una squadra molto organizzata. Ci ha sorpreso, ma forse ci abbiamo messo anche un po’ del nostro. Siamo entrate in campo molli, mentre nel secondo tempo ci siamo riprese ed è venuto fuori il carattere di questa squadra per portare a casa i tre punti».

CAMBIO DI MARCIA«Diciamo che nel primo tempo abbiamo fatto fatica a trovare le nostre trame di gioco, perchè l’Empoli si è chiusa tutta dietro e dovevamo cercare l’ampiezza invece noi ci ostinavamo a cercare queste vie centrali che non portavano a nulla. Negli spogliatoi ci siamo un attimo riprese, abbiamo pensato di allargare più il gioco dove sono arrivati i cross ed è venuta fuori la nostra qualità».

LA SETTIMANA «È stata una settimana veramente intensa, perchè giocare in Champions col Barcellona ci ha tolto tante energie mentali e fisiche, infatti questa partita non era così facile e scontata. Vincere una partita del genere, soffrendo e lottando, ci insegna che questo campionato, semmai avessimo ancora qualche dubbio, è ancora più competitivo dell’anno scorso. Ci sono squadre, considerate piccole che sono sempre attrezzate, sono cresciute, il ritmo si è alzato, perchè veramente il livello di questa partita è stato alto. Dobbiamo fare tesoro di tutto ciò, prendere i tre punti che è la cosa principale e continuare a lavorare perchè nessuno ci regalerà niente quest’anno».

BARCELLONA«La prestazione col Barcellona la ritengo positiva. A volte ci si dimentica dell’avversario, perché il Barcellona lo scorso anno ha disputato una finale di Champions. Era la terza partita internazionale, e la Juve ha fatto una prestazione del genere. Dopo la gara ero assolutamente contenta e orgogliosa di quello che ha fatto la mia squadra. Personalmente ho fatto quello che ha chiesto il coach, cioè aiutare in fase difensiva mentre abbiamo fatto più fatica a ripartire. Al ritorno ci penseremo…».

STASKOVA«Andrea è una ragazza molto giovane, non dimentichiamolo è una classe 2000. Ha bisogno di capire il campionato italiano che non è facile. È una ragazza talentuosa, appena riuscirà ad entrare nei nostri schemi vedrete che giocatrice è. Io la vedo in allenamento, e fa delle cose veramente incredibili».