Connettiti con noi

Calciomercato Juve

Gosens Juve, osservato speciale al Gewiss Stadium: lui lancia il primo indizio

Pubblicato

su

Gosens Juve, osservato speciale al Gewiss Stadium: lui lancia il primo indizio e i tifosi sognano il colpo per la prossima stagione

Robin Gosens osservato speciale al Gewiss Stadium. Occhi puntati sull’esterno dell’Atalanta da parte della dirigenza della Juve, a scrutare quello che potrebbe diventare uno dei principali obiettivi del calciomercato bianconero in estate. Sì, non è la prima volta che il nome dell’esterno tedesco viene accostato con decisione al taccuino di Fabio Paratici, a maggior ragione nel caso in cui si concretizzasse l’addio di Alex Sandro. A quel punto, la Juventus potrebbe virare sull’ex Heracles per rinforzare la corsia di sinistra.

Gosens Juve: la maglia di Ronaldo e la reazione del tedesco…

Il primo indizio lo ha lanciato proprio Gosens, direttamente dallo spogliatoio atalantino. I compagni di squadra, dopo questa rivelazione del tedesco su Cristiano Ronaldo («Dopo la partita contro la Juventus, ho cercato di realizzare il mio sogno di avere la maglia di Ronaldo. Dopo il fischio finale sono andato da lui, non sono nemmeno andato dal pubblico per festeggiare … ma Ronaldo non ha accettato. Gli ho chiesto: ‘Cristiano, posso avere la tua maglietta? Non mi ha nemmeno guardato, ha detto solo: ‘No!’») gli hanno fatto recapitare proprio la casacca di CR7 come simpatico regalo…

La reazione di Robin ha lasciato sorpresi i tifosi della Juventus. Il calciatore classe ’94 si è lasciato andare ad una risata, coprendosi poi il volto con la maglia del fuoriclasse portoghese. Un accostamento, con i colori bianconeri, che ha fatto sognare i sostenitori della Vecchia Signora.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @cronache_di_spogliatoio

Gosens Juve: quando l’esterno ammiccò ai bianconeri in passato

Già il 16 marzo 2021, però, Gosens ammiccò per la prima volta alla Juventus. Intervistato da Kicker, commentò così l’interesse della Vecchia Signora nei suoi confronti: «Di certo è un grande onore per me essere accostato a questi club, quando l’elité d’Europa ti segue nei propri radar e magari sei in cima alla loro lista, è qualcosa di gigantesco e dimostra che sei sulla strada giusta. Qualcosa di pazzesco, se penso al percorso che ho fatto». Penultima volta da avversari?

Continua a leggere
Advertisement