Gravina : «Il calcio non può più fermarsi, ma seguiremo direttive Governo»

gravina
© foto www.imagephotoagency.it

Gravina : «Il calcio non può più fermarsi, ma seguiremo direttive Governo». Le dichiarazioni del presidente della FIGC

Gianluca Gravina, presidente della FIGC, è stato intervistato dal Corriere della Sera.

UN MESE A PORTE CHIUSE – «Non abbiamo ricevuto ancora nessuna indicazione, ma ci adegueremo nel rispetto dell’interesse generale. Dobbiamo andare avanti seguendo le direttive del governo».

JUVE-MILAN – «È un’emergenza che si somma all’emergenza. Valuteremo attentamente già oggi con il ministro Spadafora per capire come fare».

GESTIONE DELL’EMERGENZA – «Parliamo di uno sport che alimenta passioni e interessi fuori dal normale e che qualche volta finisce vittima di se stesso. Ma rappresenta una componente essenziale del Paese sia a livello sociale sia economico. Siamo stati seri nella discussione con il governo e non è vero che il calcio non ha a cuore la salute pubblica e gli interessi generali».

FIGC – «La Federcalcio è stata centrale nell’accordo per riformulare il calendario e provare a ripartire? Nel rispetto della Lega abbiamo esercitato un’azione di impulso che ritengo doverosa in un momento di difficoltà».

ZHANG – «Quello del presidente dell’Inter è un linguaggio che non mi appartiene, né lo condivido. Ognuno è responsabile di ciò che dice. Le proprie ragioni si fanno valere in una dialettica istituzionale corretta. Peraltro l’Inter sia in Lega che in Federazione è rappresentata da ottimi dirigenti (Marotta e Antonello ndr)».

JUVE-INTER – «Le porte chiuse mortificano valori come la condivisione e la gioia dell’evento sportivo. Ma il calcio non può più fermarsi. Dobbiamo andare avanti, rispettando le ordinanze».

FINALE COPPA ITALIA –  «Mediazione con l’Uefa per disputare la finale all’Olimpico? Ho rappresentato un’esigenza del Paese. Siamo in emergenza, ma ne verremo fuori meglio di prima grazie al contributo di tutti. Proveremo a giocare la finale di Coppa Italia a Roma, sarebbe uno straordinario messaggio di ripartenza».

Condividi