Gravina: «Ai playoff lavoro da tempo. La riapertura degli stadi…»

© foto www.imagephotoagency.it

Gabriele Gravina, presidente della Figc, ha parlato dopo il Consiglio Federale odierno: le sue parole sui playoff e sugli stadi

Nella giornata odierna, a Roma, si è svolto il Consiglio Federale, al termine del quale il presidente Gravina ha parlato in questo modo ai microfoni dei giornalisti presenti.

CONSIGLIO FEDERALE«Oggi un consiglio federale particolarmente snello, ma intenso per due aspetti. Confermata la decisione del Tribunale Federale con la retrocessione di Picerno e Bitonto. Di conseguenza abbiamo applicato il risultato della classifica di regular season con la promozione di Foggia e Bisceglie. Mi preme sottolineare l’idea di intensificare gli incontri con tutti i presidenti delle componenti per avviare un percorso di confronto per l’applicazione di alcune idee innovative legate alla riforma del sistema calcio. Vogliamo intraprendere un nuovo orizzonte per un nuovo sistema calcio».

PLAYOFF «L’incontro con Infantino è stato molto utile. Per quanto mi riguarda è stato un momento di approfondimento e di riflessione. Bisogna capire ad ampio raggio quelli che sono gli aspetti positivi e negativi creando un progetto appetibile per tutti. Ci sono troppe competizioni ed entriamo subito in fibrillazione quando c’è da recuperare una gara. I playoff sono un’idea alla quale lavoro da tempo, mi auguro di trovare interesse da parte delle altre componenti del mondo del calcio».

RIAPERTURA STADI«Tra qualche minuto ci sarà un incontro tra i membri del CTS. Noi abbiamo una priorità: un tampone ogni 4 giorni è insostenibile. Chiediamo oggi di ottenere nell’immediato un allenamento di queste misure. Non è più sostenibile e mi auguro che il CTS possa concederci questo. Con il Premier Conte abbiamo condiviso un percorso. Se dalle scuole dovesse arrivare un risultato positivo e a questo aggiungiamo il senso di responsabilità che il calcio ha dimostrato allora la conseguenza naturale sarà l’apertura degli stadi».

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juve: le ultime sulle trattative bianconere

Condividi