Guerra (OMS): «Protocollo va aggiornato, serve flessibilità»

© foto www.imagephotoagency.it

Guerra (vicedirettore OMS): «Il calcio è uno sport di contatto, dove in campo non si può rispettare il distanziamento»

Ranieri Guerra, vicedirettore dell’OMS, ha risposto a una domanda specifica posta da La Gazzetta dello Sport: Come ci si infetta?

«Il problema è che non c’è una risposta chiara e definitiva. O meglio, non le abbiamo ancora queste risposte. Si parla di soggetti super infettanti, ma non abbiamo ancora capito se esistano realmente o se esistano delle modalità e dei contesti super infettanti. Per esempio, abbiamo notato una diffusa trasmissione del contagio fra i coristi in una chiesa. Sappiamo che il calcio è uno sport di contatto, dove in campo non si può rispettare il distanziamento. Nel calcio e negli sport professionistici si è provato a mitigare questo rischio con una diagnostica frequente».

PROTOCOLLO – «Va aggiornato man mano che i numeri cambiano. Penso sia opportuno essere flessibili e applicare le indicazioni che di volta in volta la situazione epidemiologica suggerirà».

LEGGI ANCHE: Juve-Napoli 3-0 a tavolino? I precedenti: quelle gare han segnato la storia

Condividi