Higuain e Buffon, delizia e croce della Juve

buffon
© foto www.imagephotoagency.it

Higuain e Buffon hanno trascinato la Juve ieri sera, ma non si sono ripetuti in due momenti chiave del match

Stava andando tutto secondo i piani. Una Juventus che parte forte (ancor di più di quanto ci si potesse attendere) e che, dopo soltanto dieci minuti, faceva capire a chiunque quali fossero le sue intenzioni: pronti via ed Higuain la sblocca con un grande gol al volo dopo 70 secondi, per poi raddoppiare nove minuti dopo su calcio di rigore. Oltre al Pipita e vista la pericolosità offensiva del Tottenham, si sapeva che un altro protagonista importante della partita sarebbe potuto essere Buffon e così è stato: superGigi, infatti, ha sventato con due ottimi interventi due palle gol propiziate da Harry Kane, per poi capitolare – ma senza alcuna colpa – al 35′, in occasione della rete con cui l’attaccante inglese ha accorciato le distanze.

Pipita e SuperGigi, due leggerezze pagate a caro prezzo

Dopo aver trascorso 45′ da leader, tuttavia, la partita del Pipita e quella del capitano hanno iniziato a prendere un risvolto diverso, purtroppo per la Juventus: sulla prestazione impeccabile dell’argentino, il quale anche nella ripresa ha cercato di prendere in mano la squadra, pesa infatti l’errore commesso dal dischetto nel recupero della prima frazione in quanto, in caso di trasformazione, avrebbe potuto riportare a due le lunghezze di vantaggio della Signora sugli Spurs. Sull’altro fronte, duole dirlo, ma da uno come Buffon non ci si aspetta un errore come quello commesso sul gol del pareggio siglato da Eriksen: al di là del posizionamento non impeccabile della barriera, infatti, la punizione calciata dal danese era tutt’altro che irresistibile, ma SuperGigi non è stato in grado di deviare la traiettoria in quanto, credendo che il pallone sarebbe finito sul palo non di sua competenza, aveva già sciaguratamente compiuto un passo verso sinistra e tale disattenzione non gli ha quindi permesso di poter neutralizzare la sfera. Speriamo che gli errori madornali commessi dai nostri due campioni finiscano le dimenticatoio con una bella vittoria a Wembley.

Articolo precedente
Rassegna Bianconera di mercoledì 14 febbraio 2018
Prossimo articolo
marchisioMarchisio ci crede: «La qualificazione è ancora aperta» – FOTO