Infortunio Dybala: la Joya salta le vacanze per amore della Juve

dybala
© foto www.imagephotoagency.it

Infortunio Dybala: la Joya va in vacanza? Macché! Rimane a Torino per recuperare e la Juve apprezza un gesto da vero campione

L’amore per la Juve supera ogni confine. Anche quelli che la logica imporrebbe. Perché Paulo Dybala, dopo mesi particolarmente travagliati, avrebbe certamente meritato qualche giorno di vacanza. Ma la gara della Sardegna Arena, l’ultima prima della sosta, ha scombinato tutti i piani. La Joya ha rimediato una lesione distrattiva ai flessori della coscia destra, di grado medio-lieve, che lo terrà ai box almeno 35 giorni. Una tegola non da poco, piovuta dal cielo proprio in un momento in cui Dybala stava tornando a prendere per mano la Juve. L’uscita dall’impianto sardo, dopo la fitta alla coscia, spiega il momento psicologico difficilissimo di Dybala, che ha abbandonato il campo con le lacrime agli occhi. Nemmeno Massimiliano Allegri è stato in grado di consolarlo. Ma la Juve lo aspetta per l’andata degli ottavi di finale di Champions League contro il Tottenham. Gara nella quale Dybala dovrà tornare ad essere protagonista. O almeno ci sperano i tifosi, pronti a stargli vicino nel periodo di riabilitazione.

L’argentino, come ogni grande campione che si rispetti, ha deciso di saltare le vacanze. Un gesto da applausi, che evidenzia la grande professionalità di un ragazzo totalmente mentalizzato con il mondo Juve. La serietà viene prima di tutto, anche di qualche meritato giorno di riposo. E così Dybala, per recuperare nel più breve tempo possibile, ha già iniziato a sottoporsi alle prime terapie. Terapie che potrebbero agevolargli il ritorno in campo a stretto giro di posta. Anche da questi episodi si può toccare con mano la qualità umana di un giocatore straordinario, dentro ma anche fuori dal campo. La Juve gli starà vicino e lui starà vicino alla Juve. Non un gesto banale, ma un vero e proprio amore incondizionato verso la causa bianconera che lo esalta agli occhi dei tifosi. Gli stessi che non vedono l’ora di rivederlo più forte di prima dopo l’infortunio.