Dybala, via i sassolini: «Ho avuto degli allenatori che…»

© foto www.imagephotoagency.it

Paulo Dybala parla del suo ingresso nel mondo del calcio e del suo modo di intendere il gioco: ecco le sue parole

Paulo Dybala parla degli inizi nel mondo del calcio. Ecco le sue parole a El Pais sui suoi inizi e sul suo modo di intendere il calcio.

IL GIOCO«È difficile separare la persona dal calciatore. Sono un tipo tranquillo e sono anche un calciatore tranquillo. Ma sul campo voglio la palla. Avevo degli allenatori che mi chiedevano di non muovermi, di aspettare. E io non potevo. Senza la palla mi perdo, devo toccarla, ho bisogno di azione. Penso sia una necessità. La necessità di creare qualcosa. Il gol è il gol, chiaro, però poche cose mi piacciono più di offrire un assist. Quell’abbraccio col tuo compagno dopo il passaggio è bello quanto un gol».