Juric: «Non abbiamo mollato, stasera è servito soprattutto il cuore»

© foto www.imagephotoagency.it

Ivan Juric, allenatore del Verona, ha parlato al termine del match del Bentegodi tra gli scaligeri e la Juventus

Ivan Juric, allenatore del Verona, ha parlato ai microfoni di DAZN al termine del match del Bentegodi tra gli scaligeri e la Juventus, vinta dai gialloblù 2-1.

LA GARA«Stasera è servito specialmente il cuore. Vedevo i ragazzi un po’ affaticati ma sono andati veramente oltre. Nella partita abbiamo fatto bene i primi 30 minuti ma pochi concreti, poi è diventato un po’ più difficile. Non abbiamo mollato e siamo riusciti a ribaltarla».

VITTORIA «Commosso? A volte sì, oggi no, ero felice e soddisfatto e contento per i ragazzi».

GRUPPO«Volevamo fare bene, non pensavamo di fare così bene. Abbiamo creato un gruppo di ragazzi con tanta fame che non erano mai stati in Serie A come Kumbulla. Reggendo così con Douglas Costa è stato fantastico. Volevamo prenderci i nostri rischi e far male agli altri».

PAZZINI«Pazzini è sempre decisivo, anche se a volte non lo faccio giocare è importantissimo. Oggi è entrato benissimo, la sua presenza dà una grande mano alla squadra e ha tirato benissimo il rigore».

Il tecnico gialloblù ha parlato poi a Sky Sport.

LA GARA «Avevamo tanta voglia di non perdere questa partita, di ribaltarla. Siamo riusciti, abbiamo fatto anche bene giocando bene dopo l’1-1. Dopo questa fase eravamo meglio di loro. Nella prima mezz’ora dovevamo essere più lucidi negli ultimi 20 metri».

CLASSIFICA «Ci deve essere una grande motivazione per fare il massimo possibile. È normale che voglio arrivare a 40 punti, poi se si può fare di più ci proveremo».

LAZIO «La partita con la Lazio era più intensa, era fantastica a livello di intensità e siamo riusciti a combattere bene. La Juve ha qualità tecnica, raramente vedi giocatori come Cristiano che fa cose in poco spazio allucinanti. Sono due squadre toste, possono lottare per il titolo. La Juve non ha molto vantaggio rispetto alla Lazio».

RENDIMENTO «Lavoriamo con criterio. Quest’anno ho Barbero, ex preparatore del Genoa che secondo me è molto bravo. Condividevamo le stesse idee, è molto attento su queste cose, sta andando bene».

GOL SUBITI JUVE «Non mi sembrava, con tutta sincerità non mi sembrava che stessero mollando. Penso che nella prima mezz’ora non li ho visti bene, i miei hanno fatto meglio. Dopo hanno cominciato a macinare ed è diventata più difficile. Fino all’1-1 è stata tosta, poi abbiamo fatto meglio noi».