Juve-Napoli, il procuratore generale: «Passo più lungo della gamba»

Iscriviti
de laurentiis
© foto www.imagephotoagency.it

Il procuratore generale in aula durante il Collegio di Garanzia del CONI ha parlato della sentenza di Napoli-Juve. Le sue parole

Durante l’udienza al Collegio di Garanzia del CONI, il procuratore generale si è espresso sulla partita non giocata tra Juve e Napoli. Le sue parole raccolte da Tuttonapoli.net.

«Come procura in una procedura di questo tipo e come tutori della legalità. È una vicenda particolare e per il Collegio assolutamente ineditaLa Corte d’appello ha fatto un passo più lungo della gamba, si parla di giustizia disciplinare e invece qui la giustizia è tecnica. Nella chiosa finale si conclude che Napoli merita di essere sanzionata perché non si è trovata nell’impossibilità di disputare gara con violazione lealtà, correttezza e probità.

La condotta del Napoli non è rilevante in questo procedimento, lo potrebbe essere in un procedimento successivo con tutte le garanzie del procedimento disciplinare. Concordo con l’analisi di Grassani sul tempo  Qui non c’è mai stata rinuncia espressa di disputare la gara da parte del Napoli, il Napoli ha sempre comunicato di essere stata impedita dai provvedimenti della Asl, mentre la Lega non ha mai recepito le indicazioni della società come rinuncia. Il tempo da valutare è quello tra le 21:30 di domenica 4 ottobre»

LEGGI ANCHE: Ronaldo non si ferma più: il portoghese vince un altro premio alla Juve

Condividi