Juve-Napoli, De Laurentiis all’uscita dal CONI: «Sono ottimista»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Aurelio De Laurentis ha parlato al termine del colloquio presso il CONI. Le parole del presidente del Napoli sulla sentenza

All’uscita dall’aula in cui si è discusso il ricorso fatto al CONI per la sentenza che ha assegnato il tre a zero a tavolino alla Juventus, ha parlato Aurelio De Laurentiis.

«Molto complicato fare le udienze in video come l’altra volta. Qui oggi c’era un parterre di gente preparata che si era studiata le carte, gli avvocati hanno avuto anche un percorso più semplice e breve. Non siamo stati due ore a parlare, sono prudentemente ottimista. Sentenza di secondo grado è stata forte? Più che forte è stata molto rilevante la sua interpretazione per quello che è, una trasparenza adamantina. Giustamente dovrebbe competere alla procura sempre».

ASL – «Io avendo avuto il Covid ed essendo stato a casa per 40 giorni mi sono studiato questa malattia per quanto uno la possa studiare. Tu puoi risultare positivo nell’arco che va dai 5 agli 8 giorni e se dopo i primi due positivi del Genoa ne sono venuti fuori prima 13 e poi 22, nell’arco di una settimana, è chiaro che i primi tre miei, perché c’era anche un impiegato, avrebbero potuto contaminare altri giocatori. Quindi anche con un senso di responsabilità che faccio? Disattendere l’ordinanza di due ASL? Sarei dovuto andare a Torino e contaminare anche la Juventus?».

LEGGI ANCHE: Juve-Fiorentina è una storia di clean sheet: il dato curioso

Condividi