Festa scudetto: Juve celebrata dai suoi tifosi – LIVE

© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus vince il suo settimo scudetto consecutivo: la festa dell’Allianz Stadium, così come la cerimonia della premiazione, è pronta ad iniziare

La Juventus conclude il suo campionato con una vittoria di misura sul Verona ed ora può pensare a festeggiare il suo settimo scudetto consecutivo. A breve inizierà la cerimonia di premiazione in cui verranno consegnate ai giocatori Coppa e medaglie.

Il primo a sfidare è Mattia De Sciglio: un gol per lui quest’anno alla prima stagione con la Juventus.

Giorgio Chiellini – Il prossimo capitano della Juventus riceve la medaglia: è uno degli artefici dei sette scudetti di fila.

Medhi Benatia – Ha ricevuto qualche critica per l’episodio di Madrid e per essere il colpevole del gol di Koulibaly: ma ha comunque giocato una stagione importante.

Miralem Pjanic – E’ il turno del bosniaco, uno dei giocatori che crea la maggior parte delle occasioni da gol della Juventus.

Sami Khedira – Il tedesco riceve la medaglia: si tratta della stagione offensivamente più prolifica per l’ex centrocampista del Real Madrid, autore di ben 9 reti in campionato.

Juan Cuadrado – Ecco il dodicesimo uomo della Juventus. In questa stagione il colombiano è stato decisivo soprattutto quando Allegri ha scelto di inserirlo a partita in corso.

Claudio Marchisio – Stagione complicata per il Principino, ma resta una bandiera bianconera ed uno dei vincitori dei sette scudetti consecutivi.

Gonzalo Higuain – Tocca al nostro numero 9. Ha segnato meno rispetto agli anni scorsi, ma le sue reti sono state sempre decisive, in particolare quella del 2-3 realizzata a San Siro contro l’Inter.

Paulo Dybala – Un talento stratosferico ed anche per lui un gol determinante: quello siglato all’Olimpico contro la Lazio nei minuti di recupero. La Joya ha un mercato importante in Europa, ma i bianconeri faranno di tutto per tenerlo.

Douglas Costa – Acquisto fenomenale. Il flash brasiliano è stato l’incubo di tutte le difese avversarie e, specialmente nel girone di ritorno, è stato uno dei protagonisti assoluti dello scudetto.

Alex Sandro – Stagione non brillante per il brasiliano, che non andrà al Mondiale e che potrebbe essere ceduto in estate.

Blaise Matuidi – Tutti in piedi per il francese! Giocatore universale, si è imposto nel centrocampo bianconero e sarà una pedina fondamentale anche per la Juve del futuro.

Andrea Barzagli – Uno dei simboli di questi sette anni della Juventus: vincitore di sette scudetti, leader silenzioso, nonché tuttora uno dei migliori difensori bianconeri.

Carlo Pinsoglio – E’ il turno della premiazione di Pinsoglio, il quale ha fatto il suo esordio in Serie A proprio oggi al posto di Buffon.

Mario Mandzukic – Meno determinante a livello realizzativo quest’anno, ma resta un giocatore fondamentale per Allegri: resterà alla Juventus?

Benedikt Howedes – Giocatore tormentato dagli infortuni per tutto l’arco dell’annata: tre presenze ed un gol in stagione per lui. Non si sa ancora se verrà riscattato dallo Schalke 04.

Kwadwo Asamoah – Vincitore di sei scudetti con la maglia della Juventus: il ghanese lascerà la Signora e si accaserà all’Inter.

Wojciech Szczesny – Sfila ora l’erede di Gigi Buffon: già quest’anno ha fatto vedere di che pasta è fatto, a partire dall’anno prossimo sarà lui a difendere i pali della Juve da titolare.

Daniele Rugani – Terzo scudetto per il giovane difensore azzurro che viene premiato e che potrebbe rappresentare una pedina importante dello scacchiere difensivo bianconero del futuro.

Stephan Lichtsteiner – Anche lui chiude la sua avventura con la Juventus dopo sette anni, sette scudetti e quattro coppe Italia: grazie di tutto, Stephan!

Stefano Sturaro – Stagione da gregario quella trascorsa da Stefano Sturaro: quest’anno ha trovato poco spazio nel ricco centrocampo juventino.

Rodrigo Bentancur – Prima stagione alla Juventus e primo scudetto per il centrocampista uruguaiano: è il momento della sua premiazione.

Federico Bernardeschi – E’ il turno di Fede: arrivato in estate dalla Fiorentina, ha fatto assist e gol decisivi. L’anno prossimo sarà ancora più protagonista.

Staff tecnico – Premiato tutto lo staff che accompagna Allegri durante gli allenamenti e durante le partite: si tratta di grandissimi professionisti, le cui importanti competenze hanno inciso sui successi bianconeri.

Max Allegri – Quattro stagioni, quattro scudetti e quattro coppe Italia: che cos’altro si può aggiungere? Ovazione per il mister toscano: nessuno vuole che lui vada via.

Gigi Buffon – Si concludono qui 17 anni di carriera in bianconero di una leggenda del calcio italiano e non solo. E non poteva finire in maniera diversa: con un’altra medaglia al collo, un’altra Coppa tra le mani ed un altro scudetto cucito sul petto. Il capitano è il primo giocatore della storia per scudetti vinti in Italia. Un uomo ed un professionista speciale. Tornerà in bianconero al 99% da dirigente: ora sceglierà il da farsi in vista del futuro immediato.

E’ il momento della Coppa: tutta la Juventus si raccoglie ed il capitano, Gigi Buffon, alza al cielo il trofeo che celebra la Signora campione d’Italia per la 36° volta nella sua storia e per la settima volta consecutiva.

Articolo precedente
Allianz Stadium, 40mila tifosi per rendere omaggio a Buffon
Prossimo articolo
Convocati Italia, ecco le prime chiamate di Mancini: quattro gli juventini