Juventus-Tottenham, le parole di Lamela: «Contenti della reazione»

© foto www.imagephotoagency.it

Nel post-partita, l’ex attaccante della Roma Erik Lamela ha analizzato il match tra Juventus e Tottenham

Erik Lamela è stata una delle piacevoli sorprese in casa Spurs ieri sera. Preferito da Pochettino a Son nell’undici di partenza, infatti, l’ex giocatore della Roma ha sfoderato una buona prestazione, creando diversi grattacapi alla difesa bianconera in alcune circostanze.

Lamela: «Non potevamo continuare in quel modo»

L’argentino, al termine del match, ha raccontato che cosa è successo nell’approccio alla gara e com’è avvenuta la rabbiosa reazione londinese: «E’ stato un inizio difficile, nei primi dieci minuti loro ci hanno fatto male: dopo ci siamo guardati tra di noi ed abbiamo capito che avremmo dovuto fare meglio, non potevamo continuare così. Abbiamo quindi iniziato a fare possesso palla e questo ci ha aiutato tantissimo, poi chiaramente il gol ci ha dato grande fiducia di poterla pareggiare. Penso che in fin dei conti abbiamo fatto una grande partita».

IL PENSIERO DA EX ROMANISTA – «Godimento doppio da ex romanista? No, lo sarebbe stato se avessimo vinto, ma abbiamo pareggiato: penso che però sia tutto sommato un buon risultato perché dopo il loro 2-0 iniziale sembrava una serata da dimenticare ed alla fine devo dire che siamo contenti». L’ex romanista, infine, ha giudicato la prestazione di Higuain e l’assenza di Dybala, entrambi suoi connazionali: «Higuain? Sapevamo che il Pipita è un giocatore straordinario, forse il suo primo gol è viziato da un fuorigioco ma sicuramente al ritorno dovremo stare più attenti perché è un attaccante formidabile: penso che se miglioriamo in questo potremo fare un grande salto di qualità». Al ritorno ci sarà anche Dybala: «Lo so – conclude Lamela – Paulo sta recuperando: non so se giocherà a Londra, ma noi abbiamo grande fiducia nella nostra squadra ed al ritorno dovremo fare un’altra grande partita. Loro saranno costretti a segnare almeno un gol, ma noi cercheremo di pressarli  e di dettare il nostro gioco».

Articolo precedente
buffonBuffon catechizza Bernardeschi, il labiale post Juventus-Tottenham
Prossimo articolo
buffonPerin elogia Buffon: «E’ giusto che continui in Nazionale»