Juventus U23: il futuro di Zironelli appeso a un filo. La situazione

© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus U23 non vince dal 10 ottobre: contro la Pistoiese, diretta rivale nella zona bassa della classifica, Zironelli si gioca la panchina

«Non ho mai avuto una striscia così in carriera, oggi l’espulsione ha condizionato tutto. Ma io non mollo di una virgola». Mauro Zironelli non stacca la spina in un momento tanto delicato per la sua squadra, che rischia di metterne in dubbio pure il suo operato. Dopo la sconfitta sul campo della Pro Vercelli, il tecnico della Juventus U23 si dice tranquillo, addirittura «contento della squadra sotto l’aspetto caratteriale». In casa di un’avversaria nettamente più forte sulla carta, costruita per la categoria superiore, i bianconeri hanno effettivamente interpretato una buona ripresa. Ma anche regalato un gol e un uomo in più dalla prima frazione di gioco, compromettendo il match. Un andamento negativo che si ripete ormai da troppo tempo: bisogna andare al 10 ottobre per trovare l’ultima vittoria.

La striscia negativa mette in discussione Zironelli

Il progetto della società, l’unica a non voler perdere il treno delle seconde squadre la scorsa estate, è stato caratterizzato sin dall’inizio da un principio chiaro: offrire in casa ai giovani usciti dal proprio vivaio l’opportunità di misurarsi per la prima volta tra i professionisti, partendo da un campionato difficile come quello di Serie C. A patto, però, di non mettere mai in dubbio la permanenza nella categoria, fondamentale in prospettiva: «La striscia negativa mi mette in difficoltà – ammette l’allenatore – ma la squadra mi segue e ho un rapporto giornaliero con la società. Continuo a lavorare in fiducia». Il club ha sempre sostenuto Zironelli e i suoi ragazzi, rinnovando al tecnico la massima fiducia per lavorare in piena autonomia e serenità. Un sostegno che viene rinnovato anche dopo l’ultimo KO contro la Pro Vercelli, senza rinunciare – chiaramente – ad analizzare il momento negativo. La fiducia, insomma, non può essere illimitata.

Il match con la Pistoiese potrebbe essere decisivo per Zironelli

La prossima gara sul campo della Pistoiese, a questo punto una diretta rivale nella zona bassa della classifica, potrebbe essere determinante anche per la panchina dell’allenatore. Qualche nome in caso di sostituzione viene fuori dalla rosa già valutata la scorsa estate: Alfredo Aglietti (che sembrava in pole prima che Zironelli si liberasse dal Bari) come Federico Giunti (che la scorsa stagione al Perugia ha allenato Del Prete e qualche altro dell’organico), senza escludere Fabio Gallo (la scorsa stagione allo Spezia).

Articolo precedente
Pro Vercelli Juventus U23 1-0: bianconeri a picco, quinto ko consecutivo HIGHLIGHTS
Prossimo articolo
Rassegna Bianconera di lunedì 26 novembre 2018