Juventus Women, Giuliani si racconta a Juventus TV

© foto www.imagephotoagency.it

Il numero uno delle bianconere e della Nazionale si racconta in un’intervista esclusiva di Juventus TV

Laura Giuliani è stata uno dei pilastri della passata stagione della Juventus Women. Le sue prestazioni in porta hanno permesso alle ragazze bianconere di vincere lo Scudetto, il primo della storia femminile della Vecchia Signora. Inoltre la Giuliani è stata davvero stoica, in quanto in finale contro il Brescia ha giocato da infortunata.

Intervistata in esclusiva da Juventus TV, la nuova piattaforma interamente streaming dei bianconeri, il numero 1 delle Women si è raccontata e ha svelato alcuni retroscena. E’ partita dalla vittoria dell’anno scorso: «Mi ricordo molto bene il fischio finale, anche se mi ha un po’ spiazzato. Non avevo infatti contato i rigori, e solo quando ho visto le mie compagne che mi venivano incontro ho capito che ce l’avevamo fatta». Ma alla Juventus il passato non conta, e si pensa già al futuro: «Quando ci siamo ritrovate quest’anno e ho visto lo Scudetto appeso sulle nostre maglie ho capito quello che abbiamo fatto l’anno scorso e quello che ci aspetta in questa stagione. Ogni campionato fa storia a sé, quindi dobbiamo lavorare da zero come se non avessimo fatto niente. Rispetto all’anno scorso non ci sono grandi differenze. L’organico è praticamente uguale, e in più abbiamo acquisito grandi giocatrici che ci aiuteranno. Quest’anno sono aumentati i carichi, ma è normale perché abbiamo già l’esperienza dell’anno scorso. Noi stiamo bene, e ci vogliamo preparare bene per la Champions. L’esperienza londinese, con le due amichevoli con Arsenal e Chelsea ci ha aiutato molto. A primo acchito, leggendo i risultati, sembra un disastro. Ma in realtà ci ha formato e ci ha fatto capire quanto sarà difficile. La Champions? Il Brondy è una squadra forte, molto fisica. Loro arrivano più avanti di noi, ma possiamo giocarcela tranquillamente. Andremo lì con il coltello tra i denti. Serie A? Il livello si è sicuramente alzato. Penso che la Fiorentina sia la squadra da tenere più sott’occhio, ma attenzione anche a Milan, Roma e Sassuolo. Sarà un campionato equilibrato che si deciderà per degli episodi. Non siamo più forti dello scorso anno, siamo uguali».

Articolo precedente
allianz stadiumCaso tappetini dietro le porte, la Juventus va contro la Lega
Prossimo articolo
Alex Sandro, il PSG si arrende! Cambio di obiettivo per i parigini