Connettiti con noi

News

Kulusevski, occasione Salernitana per ripartire: serve il salto di qualità

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Kulusesvki è chiamato al riscatto contro l’Atalanta dopo la panchina con l’Atalanta ed un inizio di stagione difficile alla Juve

E’ passato pià di un mese dal gol decisivo che Kulusevski ha messo a segno contro lo Zenit San Pietroburgo in Champions League regalando alla Juve tre punti fondamentali per il girone. In molti si aspettavano che quella rete  di testa potesse coincidere con rinascita del talento svedese classe 2000 dopo un inizio di stagione non facile agli ordini di Allegri. Ma l’ex Parma non è riuscito ancora a fare il salto di qualità e la panchina per 90 minuti contro l’Atalanta, quando i bianconeri erano tutti all’attacco alla ricerca del gol del pari, non è passata inosservata.

Stasera Kulusevski dovrebbe partire titolare nella delicata trasferta con la Salernitana. Fino a questo momento Allegri si è affidato a lui dall’inizio soltanto in 2 occasioni sulle 17 presenze stagionali complessive. Da oggi in poi è probabile che l’allenatore della Juve comincerà a dargli maggiore minutaggio sulla corsia di destra come sostituto dell’infortunato Chiesa. E ‘Kulu’, dal canto suo, dovrà sfruttare ogni occasione per guadagnarsi la maglia e la riconferma alla Juve. Le sirene del calciomercato sono sempre accese su di lui ed il Tottenham di Paratici (oltre all’Arsenal), da tempo, ha fiutato il possibile aaffare. Per qualità ed età, infatti, è uno dei bianconeri più appetibili.

Le capacità di Kulusevski, in particolare la velocità, la capacità di saltare l’uomo e il sinistro chirurgico, non si discutono. Ma fino a questo momento dell’anno non è riuscito quasi mai ad essere incisivo. Basta guardare qualche numero per capire il calo di rendimento avuto dallo svedese. Ll’anno scorso, con Pirlo, a questo momento dell’anno aveva segnato 2 dei 4 gol complessivi in campionato. Ma quest’anno l’ex Parma è ancora alla ricerca della prima gioia personale in Serie A. L’unico sussulto, infatti, è arrivato in Champions League sul campo dello Zenit San Pietroburgo. Per Kulusevski è arrivato il momento della verità. Allegri e la Juve hanno bisogno che faccia il definitivo salto di qualità. A partire da stasera.