Connettiti con noi

Lavagna Tattica

LAVAGNA TATTICA – Le chiavi di Juve Chelsea: perché Chiesa sarà determinante

Pubblicato

su

Senza Dybala e Morata, la Juve si aggrapperà molto a Chiesa contro il Chelsea. Saranno determinanti le transizioni

Anche a causa delle assenze di Morata e Dybala, la partita della Juve di questa sera contro il Chelsea si prospetta molto difficile. Sotto la guida di Tuchel, i campioni d’Europa sono diventati una delle squadre più complete d’Europa. Banalizzando, è più varia rispetto, per esempio, al tremendismo di Klopp: è una formazione che sa imporre e gestire i ritmi della partita, sapendo fare tante cose. È completamente in grado di difendersi bassa e aspettare gli avversari (cosa avvenuta in finale di Champions), così come sa fare gare in cui schiaccia gli avversari e deve attaccare in spazi stretti. Insomma, ha pochi difetti marcati, proprio perché è una formazione varia nelle strategie e nel modo di giocare.

Se già era difficilmente Ipotizzabile con l’undici tipo, le assenze di Dybala e Morata renderanno estremamente problematico per i bianconeri stanziarsi nella metà campo rivale. Inoltre, il Chelsea ha una delle uscite di palla più pulite d’Europa, con tanta tecnica e qualità negli smarcamenti. Le difficoltà difensive dei bianconeri rendono difficile ipotizzare un pressing troppo alto per ampie fasi di partita.

Insomma, è verosimile pensare che i bianconeri staranno tanto senza palla. La Juve dovrà essere cinica nelle transizioni perché, con Chiesa e Kean come punte, è così che si dovrebbe attaccare per la stragrande maggioranza del tempo. Non c’é la squadra per consolidarsi nella metà campo rivale, bensì velocisti in grado di attaccare in modo diretto su distanze più lunghe. È a loro che si aggrappa la Juve di questa sera, con Cuadrado esterno alto che li può supportare bene.