Connettiti con noi

Lavagna Tattica

LAVAGNA TATTICA – Rabiot terzino con la Francia: soluzione per la Juve di Allegri?

Pubblicato

su

Rabiot ha giocato da terzino in Portogallo-Francia. Può essere una soluzione per la nuova Juve di Allegri?

Rispetto alle precedenti partite, ieri Rabiot è partito dalla panchina in Portogallo-Francia, con Deschamps che gli ha preferito Tolisso. Tuttavia, il centrocampista della Juve è stato chiamato in causa al 52′, al posto del subentrato Digne in una posizione che forse nessuno si sarebbe aspettato. Ossia, quella di terzino sinistro.

In una gara abbastanza bloccata tatticamente nel secondo tempo, è difficile cogliere trarre giudizi assoluti. Il francese se l’è cavata benino in fase difensiva, anche se va detto che il Portogallo ha spinto abbastanza poco su quel lato.  Rabiot è stato più che altro coinvolto nell’uscita e nella risalita del campo, con la Francia che allargava spesso il gioco su di lui: le conduzioni dell’ex PSG facevano guadagnare diversi metri. Tant’è che il grosso dei palloni è stato toccato nella propria metà campo.

Si vede chiaramente nell’Heatmap sopra, con il grosso dei tocchi avvenuti in zone arretrate del campo. Non ha spinto moltissimo.

Inoltre, in fase offensiva, era raro vedere Rabiot dare ampiezza. Il francese, infatti, lasciava la corsia esterna a Mbappé prima e Coman poi. Di conseguenza, Rabiot o rimaneva più bloccato, o stringeva la propria posizione. Poche volte, negli ultimi metri, si faceva trovare in posizione aperta. Basti pensare che non è mai andato al cross, un dato che dimostra come  – nonostante le grandi capacità atletiche di cui abbiamo spesso scritto – ieri la Francia non lo abbia sfruttato molto in zona di rifinitura.

Una delle ultime azioni di gioco, in cui vediamo appunto Rabiot che lascia la fascia a Coman, stringendosi.

Insomma, quella di Deschamps è parsa una situazione d’emergenza (mancavano terzini dopo l’uscita di Digne) più che una ferma convinzione tattica. Rabiot si è infatti abbastanza limitato a fare il compitino. Difficile trarre indicazioni significative da una partita del genere, ma una soluzione in più eventualmente per Allegri, in caso di necessità.