Connettiti con noi

Hanno Detto

Locatelli: «Vogliamo accorciare e vincere. Milan? Ora sono alla Juventus»

Pubblicato

su

Manuel Locatelli, centrocampista della Juve, ha parlato dopo la vittoria in Champions League contro il Malmoe

Ai microfoni di Mediaset, Manuel Locatelli ha parlato dopo Malmoe Juve.

INIZIO STAGIONE – «Non abbiamo vissuto un mese facile. Oggi era fondamentale vincere, era fondamentale non prendere gol e ci siamo riusciti. Siamo soddisfatti, ora pensiamo a domenica».

RISULTATI – «Se eravamo preoccupati? No, perché abbiamo calciatori forti ed esperti che sanno reggere le pressioni. Siamo tranquilli, il mister ci trasmette serenità. Dobbiamo continuare così».

AMBIENTAMENTO – «Mi trovo molto bene perché ho compagni molto forti ed è più facile giocare così. Devo continuare ad allenarmi così, poi il mister ci farà giocare bene».

AFFRONTARE IL MILAN«Un’emozione particolare. Il Milan è importante per me, ma ora sono alla Juve, lasquadra che volevo da bambino. È un avversario forte, sarà una partita importante».

RIMONTA – «L’obiettivo è accorciare e vincere. Adesso recuperiamo le energie, poi affrontiamo questa sfida».

Il centrocampista della Juve ha parlato anche a Juventus TV.

«Era fondamentale vincere per iniziare bene il girone dopo che non abbiamo iniziato bene in campionato, ci dà fiducia e non abbiamo preso gol e questo è importante. È una vittoria fondamentale per noi. È stata una grande emozione sentire per la prima volta la musica della Champions, ho avuto i brividi, ma devo giocare a calcio, farmi trovare pronto e non posso farmi trascinare dalle emozioni. Le critiche ci sono, è normale perché siamo la Juve ed è normale che ci siano, ma sappiamo cosa dobbiamo fare per uscirne».

Il centrocampista ha parlato a Sky Sport.

ESSERE ALLA JUVE – «Mi sto trovando bene perché ho compagni forti con cui è facile giocare. Siamo brave persone e giocatori forti».

CHAMPIONS DOPO L’EUROPEO – «È importante perché sono palcoscenici simili ed emozioni importanti. Ma non dobbiamo giocare semplice come ci chiede il mister».