Lukaku: «Scudetto? Faremo di tutto per far parlare il campo»

lukaku
© foto www.imagephotoagency.it

Lukaku sullo Scudetto: «Per me la cosa più importante è far parlare il campo»

Nella lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, Romelu Lukaku ha affrontato diversi argomenti sulla sua esperienza all’Inter e non. Ecco alcuni passaggi chiave.

DIFENSORE PIÙ FORTE – «Sono tutti forti, in Italia. Koulibaly è tosto, mi diverto quando gioco con lui: mi piace il contrasto, la forza dell’avversario. E’ così con Klavan che gioca a Cagliari, o Kumbulla che era al Verona o con Bonucci o Romagnoli. Tutti giocatori che quando giocano con me ci mettono un impegno particolare. Ma questo vale anche per me, perché voglio vincere, e più il difensore è forte e più mi motiva. Non si meravigli, ma un buon difensore rende l’attaccante migliore, perché lo obbliga a dare tutto e a cercare nuove soluzioni».

GIOVANE ITALIANO – «Barella sarà un giocatore molto importante, per la Nazionale e per l’Inter. E’ un ragazzo cresciuto molto negli ultimi sei mesi ed è impressionante con la palla e anche a livello fisico, di mentalità. Anche Esposito può essere un calciatore importante, ma deve giocare di più. Con la mentalità che ha e con più minuti in campo potrà dare molto. Stimo anche Kean. E Chiesa».

SCUDETTO – «Per me la cosa più importante è parlare in campo, dobbiamo giocare e far bene nei 90’. Fuori dal campo non sono una persona che parla tanto. Preferisco esprimermi quando gioco. Ma voglio dare tutto quanto posso per far bene, quest’anno. Per far bene all’Inter».

LEGGI ANCHE: Rabiot fa gruppo: «Sta arrivando la banda» – FOTO

Condividi