Lippi a RBN: «Ecco come preparammo la finale contro l’Ajax»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Marcello Lippi rivive le emozioni della vittoria della Champions League nel 1996: ecco le sue parole su quel successo

Marcello Lippi, intervenuto ai microfoni di Radio Bianconera, ha parlato della vittoria della Champions League del 1996.

CHAMPIONS 1996 «Eravamo una squadra che aveva un proprio modo di comportarsi, un suo atteggiamento tattico. Poche squadre avevano quell’atteggiamento lì. Dissi a Vialli che avremmo affrontato l’Ajax come non l’aveva mai fatto nessuno. Di solito le squadre che giocavano contro l’Ajax avevano paura di essere presi in infilata, noi invece andammo ad attaccarli in ogni zona del campo. Eravamo bravi a pressare e ad accorciare e facemmo veramente una bella partita. Quando abbiamo cominciato a pressare alti gli avversari, loro già avevano paura, poi non uscivano più da dietro e facevano tutti i lanci lunghi su cui noi eravamo ben schierati».

ZIDANE «Le intuizioni vengono se hai le possibilità, quando io tornai alla Juve dall’Inter mi chiamò Agnelli e mi disse che dovevano vendere Zidane, ma mi disse di stare tranquillo perché avrebbero comprato altri giocatori importanti. E infatti presero Buffon, Thuram e Nedved. La Juventus in quegli anni vendeva un grande giocatore ogni anno, ma lo zoccolo duro restava sempre lo stesso. Mi aiutavano a far capire cosa volesse dire giocare nella Juventus e a mantenere la squadra forte».

Condividi