Nicchi: «Si deve intervenire in modo duro o il calcio non avrà futuro»

© foto www.imagephotoagency.it

Marcello Nicchi, presidente dell’AIA, interviene in modo duro dopo il terribile episodio di violenza contro un’arbitra a Meda

Marcello Nicchi, presidente dell’AIA, ha tuonato con una nota ANSA dopo gli incresciosi fatti di Meda, dove un’arbitra di 16 anni è stata aggredita.

NICCHI – «Apprendo con tristezza e sconforto del fatto accaduto nella partita a Meda, dove dei tesserati hanno messo le mani addosso ad un’arbitra sedicenne. Tutto questo avviene nel momento in cui è massimo l’impegno di Aia, Federazione e Leghe per debellare nel calcio razzismo e violenza, soprattutto contro le donne. Il tutto mi rattrista particolarmente nel momento in cui mi sto recando ad Aosta per l’ultimo saluto a Loris Lazzaro, il giovane arbitro che ha perso la vita per fare quello che era il sogno della sua vita. E’ ora di intervenire in modo duro perché altrimenti il calcio non avrà futuro»

Condividi