Connettiti con noi

News

Matri su Juve-Milan: «Il gol in finale il più importante per me. Juve disumana»

Pubblicato

su

Il grande ex di Juventus e Milan, Alessandro Matri, ora al Sassuolo, ha parlato della finale di Coppa Italia tra bianconeri e rossoneri

Matri sa come si fa! L’attaccante ora al Sassuolo è ricordato dai tifosi bianconeri come l’uomo della decima Coppa Italia. Fu lui a realizzare il gol vittoria nella finale del 2015 contro la Lazio: «Sicuramente è stata la rete più importante della mia carriera – dice Mitra Matri a TuttosportSentirmi chiamare ancora adesso “l’uomo della decima” mi inorgoglisce. Conservo un bellissimo ricordo, a partire dai complimenti di Andrea Agnelli mi ringraziò dicendomi che, grazie al mio gol, avevamo vinto una Coppa a cui teneva in modo particolare perché suo padre aveva sempre voluto che la Juventus fosse il primo club a raggiungere il traguardo delle 10 Coppe Italia».

L’ex bomber bianconero ha parlato della corsa Scudetto e ha definito Buffon e compagni «disumani» per la fame mostrata, ancora una volta: «Gigi lo considero il Maradona e il Pelé dei portieri. Ma pure Chiellini, Barzagli, Marchisio e Lichtsteiner dimostrano una fame davvero incredibile». Alessandro si è detto sorpreso dell’addio di Bonucci, avversario stasera, ed è felice per la buona stagione di De Sciglio ma lanciato una stoccata al Milan («essere profeti in patria è dura, quando le cose vanno male, tanto al Milan come negli altri club, i primi a essere criticati sono gli italiani cresciuti nel vivaio»). Matri svela un retroscena su Allegri: «Sono sempre stato il bersaglio delle sue battute… (risata). Mi dice sempre che l’ho fatto esonerare prima al Cagliari e poi al Milan. Anche per questo, dopo il gol in finale di Coppa Italia del 2015, gli dissi ridendo: Mister, almeno ora ti ho fatto vincere la Coppa Italia». Chiusura con lode a Douglas Costa: «Quelli del brasiliano sono assist veri, con lui a volte devi solo spingere la palla in rete».