Matuidi rivela: «Al Psg litigai con Neymar, poi la Juve…»

Iscriviti
matuidi
© foto www.imagephotoagency.it

Blaise Matuidi a l’Equipe parla del suo addio al Psg per venire alla Juve: «Ho avuto una lite con Neymar, ma non voglio entrare nei dettagli»

Matuidi è entrato ormai nel cuore dei tifosi bianconeri. E ci ha messo davvero poco tempo. Le sue parole al quotidiano francese l’Equipe sono quindi dolci come il miele. «Quando ero piccolo seguivo tutti i grandi giocatori della Juve. Baggio, Del Piero, Thuram e Buffon. La Juve vuol dire classe, già solo con quella maglia bianca e nera. Poi c’era Edgar Davis, il mio modello. Senza parlare di Zidane, Trezeguet, Platini. La Juve rispetta tutti i grandi francesi che sono stati qui».

Proprio con Gigi Buffon c’è un gustoso retroscena. «Appena arrivato mi ha salutato con un bacio. Come per dire “sei della famiglia”. Diciamo la verità: noi francesi non amiamo, per così dire, faticare molto in allenamento. Ma qui è diverso, ho imparato ad apprezzare la cultura del lavoro»

 

Anche sul capitolo dell’addio al Psg quest’estate c’è un qualcosa di non detto. «Non voglio entrare nei dettagli, ma quando ho deciso di partire Neymar era già arrivato da noi. Diciamo che ho avuto una discussione con lui. Gli altri compagni volevano che restassi. In particolare ho parlato molto con Dani Alves e Thiago Motta. Conoscevo perfettamente il Psg, ho trascorso sei anni della mia vita lì».

«Cos’è successo nell’estate 2016? Avevo parlato a lungo con Pogba ed Evra, tutti mi avevano detto grandi cose della Juventus e pure il mio ct Deschamps. Quando ho preso la decisione di venire qui quest’estate gliel’ho detto per telefono. In quel momento la Francia aveva in programma due partite molto importanti, ci tenevo a farglielo sapere. Mi ha fatto capire di essere molto felice per me».

 

Condividi