Connettiti con noi

Hanno Detto

Montemurro: «Sconfitta col Milan, Champions e stagione: vi racconto»

Pubblicato

su

Joe Montemurro, allenatore della Juventus Women, ha rilasciato queste dichiarazioni sulla stagione attuale. Le parole

Ai microfoni di Total Italian Football, Joe Montemurro ha rilasciato questa intervista. Le parole dell’allenatore della Juventus Women.

PARMAAd essere onesti sono tutte partite difficili e hanno tutte le loro piccole sfumature dopo una pausa internazionale o tra le partite di Champions League, quindi sono tutte diverse. Ma lo adoriamo, ed è ciò che è il calcio di alto livello.

STAGIONE – Penso che ogni stagione abbia le sue sfide. Questa è diversa dall’anno scorso in quanto penso che abbiamo ancora un po’ di postumi degli Europei e alcune giocatrici non hanno riposato. Penso che abbiamo avuto cinque giorni insieme prima delle qualificazioni di Champions League, quindi è stato un po’ confuso in termini di preparazione.

SCONFITTA COL MILAN Quando abbiamo giocato a Zurigo avevamo un turnaround di 48 ore con viaggi da fare per ogni partita. Siamo arrivati a Milano il sabato ed eravamo solo stanche, lo sentivo. Abbiamo lasciato Zurigo la mattina [dopo la partita] perché non potevamo partire quella sera, quindi siamo atterrate e siamo scese in campo per fare un po’ di allenamento e abbiamo fatto un’ora di lavoro, mangiato, siamo andati a casa, e poi la mattina dopo siamo andate a giocare col Milan. Siamo solo esseri umani e quell’inversione di tendenza è stata ridicola, quindi probabilmente era necessaria la sconfitta contro il Milan, odio dirlo ma era una di quelle sconfitte che stava arrivando e ci si aspettava che prima o poi accadesse perché non puoi aspettarti che le giocatrici tornino in campo dopo 48 ore ai massimi livelli. La nostra prima partita è stata il 15 agosto e ne abbiamo persa solo una, quindi penso che probabilmente a inizio stagione ci avrei messo la firma. Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto anche se dall’esterno c’è molto: ‘Oh guarda che la Juventus ha perso una partita e sono terzi’ o ‘Sta avendo una stagione difficile’ ma sono orgoglioso di come abbiamo affrontato qualcosa di nuovo, qualcosa che queste giocatrici non hanno mai sperimentato prima.

CHAMPIONS LEAGUEQuando giochi in Champions League contro il meglio del meglio acquisisci tutte queste conoscenze ogni settimana e penso che la bellezza di questo gruppo sia che sono così disposte a imparare e arrivare al livello successivo. Vorrei dire che probabilmente siamo ancora lontani 24 mesi dall’essere una squadra che può dire con sicurezza di essere alla fase a gironi, e poi le ultime fasi della Champions League possono andare in qualsiasi modo. Conterà su molte cose però. Conteremo su di noi competere a questo livello ora e ottenere il miglior risultato possibile. Queste partite ora sono così importanti per entrare tra le prime otto ed essere sorteggiati nella seconda fascia, quindi è davvero una grande sfida. Penso che ci vorranno 18-24 mesi prima di poter contare sul prossimo turno. L’altra cosa è assicurarci di continuare a competere anche a livello nazionale perché se non finiamo tra i primi due in Italia, allora la Champions League è un non-evento, quindi è un grande compito perché non abbiamo il privilegio di un posto diretto e dobbiamo passare attraverso le qualificazioni.

EVOLUZIONE JUVENTUS WOMEN – «I club attraversano cicli e sapevo che nel secondo anno, e sanguinando nel terzo anno, ci sarebbe stato un cambiamento ciclico. C’è un ciclo di giocatrici che hanno fatto un lavoro straordinario qui e sono vere e proprie leggende del calcio italiano e hanno fatto parte della crescita del calcio femminile italiano negli ultimi dieci anni e sappiamo che deve finire. La sfida più grande è farlo, guardare al nuovo ciclo ma mantenere quella mentalità di competere per i titoli, competere per le coppe ed essere ai vertici del gioco a livello nazionale e cercare di entrare nei primi otto in Europa. [L’evoluzione] deve avvenire, penso che accada in tutte le grandi squadre e squadre dopo essere state al vertice. Devi farlo e l’arte sta nel modo in cui lo fai. Ci sono i giocatori che hanno avuto esperienza menzionati [Bonansea, Girelli e Gama], i loro viaggi sono diversi ora nei prossimi anni e voglio assicurarmi che sia fatto nel modo giusto e nel modo in cui sono applauditi per quello che hanno dato al gioco e far sapere che la loro eredità continuerà. Questo è davvero importante. Siamo stati molto strategici anche prima che venissi qui con la selezione della squadra e la costruzione, abbiamo già il prossimo gruppo di giocatori della nazionale che continueranno quell’eredità. Agnese Bonfantini è una di loro e [Sofia] Cantore è una di loro… sto parlando di [Cecilia] Salvai, Caruso… sono il prossimo lotto. Quel lotto più esperto sarà molto importante per quei giocatori e quella transizione. Siamo stati strategici e ci sarà un po’ di dolore, probabilmente sta accadendo anche adesso, ma vogliamo farlo nel modo giusto e penso che sia molto importante».

CARUSO – Caruso ha [molto calcio davanti a sé]. Ora deve raggiungere il livello successivo in termini di fare ciò che fa settimana dopo settimana contro le squadre più grandi. È una giocatrice così efficace ogni settimana in Serie A, e ora voglio vederla fare quel salto a livello europeo. Ce l’ha, ha solo bisogno di un po’ più di fiducia in quello che può fare. La carriera che ha già avuto e l’entusiasmo con cui si allena ogni giorno… può essere qualcosa di davvero, davvero speciale. Penso che a volte voglia essere sempre efficace, vuole essere la vincitrice della partita o giocare l’ultimo passaggio, quello che vince la palla alla prima pressione. Probabilmente ce l’ha fatta in Serie A nei suoi primi anni e penso che ora debba essere più intelligente nello scegliere i suoi momenti su quando fare le cose. Se sceglie meglio i suoi momenti nelle grandi occasioni allora può essere davvero efficace e probabilmente ancora più efficace andando avanti.

BONFANTINI – È la calciatrice con più potenziale? Dal punto di vista del talento, sì [ha il tetto più alto]. Quest’anno abbiamo cercato strategicamente di dare a Bonfa molte più partenze dall’inizio, è stata storicamente una giocatrice d’impatto e che giocatrice d’impatto! Ora dobbiamo coinvolgerla di più quando le partite sono al loro apice, nei primi 20-25 minuti, quando le squadre sono fresche e impegnate. Sembra che in quei momenti si perda un po’ e deve solo essere più efficace nel conservare le energie ed essere sicura che, quando inizia, scelga i suoi momenti in cui fare le cose. Penso che ci stia arrivando, e più partenze lo aiuteranno. Questo è uno di quegli enigmi di essere in un club come la Juventus: non puoi essere un club di sviluppo, non puoi sacrificare le partite perché tutti quelli che giocano contro la Juventus la considerano una finale, quindi devi stare attento con quel processo evolutivo. È un vero equilibrio e stiamo parlando e scegliendo, ha talento da bruciare e ora deve solo essere più matura e professionale quando inizia a giocare.

ROMA Hanno fatto bene e lavorato bene sul mercato. Hanno trovato un buon equilibrio nella rosa e hanno alcune buone giocatrici di livello internazionale. È fantastico, è quello che vogliamo: portare la Serie A ad un livello in cui è un campionato di livello per spingere le altre squadre europee. Abbiamo bisogno di due o tre grandi squadre che facciano bene e tutto il merito va alla Roma.

Copyright © Juventus News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 45 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sportreview S.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.