Nicolò Barella, giovane, italiano e di talento che piace alla Juve

barella
© foto www.imagephotoagency.it

Nicolò Barella, centrocampista duttile che milita nelle file del Cagliari, lo abbiamo osservato domenica sera contro la Juventus, dimostrando le sue doti ormai conclamate dall’interessamento di parecchi club

Giovane di talento, e lo si è notato anche contro la Juventus al Sant’Elia, un centrocampista eclettico, poliedrico, capace di non patire la soggezione, nonostante la giovane età, di fronte a mostri sacri della linea mediana, lui al suo primo vero campionato di Serie A come titolare. Nicolò Barella (Cagliari, 7 febbraio 1997) ha solo vent’anni, appena compiuti, ma appare un giovane virgulto, non solo di belle speranze, ma già di un concreto presente, che sta attirando le mire e la curiosità di tanti club del nostro calcio. Il ragazzo, premiato come miglior centrocampista italiano della classe ’97 per due anni di fila 2012 e 2013, è un calciatore in grado di adattarsi a qualsiasi ruolo del centrocampo, potendo essere impiegato sia come trequartista, che come mediano o mezzala destra. Tra le sue maggiori qualità spiccano un’ottima visione di gioco, la corsa, la capacità di aggressione del diretto avversario, una notevole dinamicità che lo portano a lottare su ogni pallone. Proprio come accaduto contro i bianconeri, dove però troppa foga, energia e un peccato veniale d’inesperienza, gli sono costati un doppio giallo e quindi l’espulsione. Però Barella possiede peculiarità cristalline anche in fase d’attacco oltre ad essere un interditore tignoso e impetuoso, è dotato di un buon tiro dalla distanza ed è uno specialista dei calci da fermo. La dirigenza della Juventus e Fabio Paratici, in primis, hanno il suo nome segnato sul taccuino da tempo, e non è una sorpresa visto il grandissimo lavoro di scouting esercitato dalla dirigenza juventina degli ultimi anni.

Barella è un nome noto, nella sua giovane carriera, cresciuto nella cantera rossoblù sarda, ha giocato in tutte le nazionali giovanili, dal Under 15 fino al Under 20, ha fatto suo esordio in prima squadra il 14 gennaio 2015, a 17 anni, nella partita di Coppa Italia contro il Parma persa 2-1 allo Stadio Tardini, mentre il debutto in Serie A è avvenuto il 4 maggio 2015, ancora una volta contro il Parma, nella partita vinta 4-0 dal Cagliari in casa. Insomma, un predestinato, un giovane di qualità che si sta valorizzando sul palcoscenico calcistico principale, dopo il prestito al Como in Serie B, avvenuto l’annata passata, dove schierato titolare, ha totalizzato 16 presenze. Probabilmente non è ancora pronto per un passaggio diretto alla Juventus, ma le sinergie attivate dalla Società bianconera sono molte e potrebbe anche venir fatto maturare lontano da Torino per poi venir portato direttamente all’interno del progetto principale. Barella potrà ripercorrere la via tracciata dai vari Sturaro, Mandragora e Caldara? Ad oggi diventa impossibile affermarlo con certezza, ma alla Juve la linea verde, italiana e di spiccato talento piace da sempre.

Articolo precedente
tifosi-juventus-stadioSan Valentino, innamorati di Juve e oltre
Prossimo articolo
coppa italiaJuve, straordinariamente semplice