Pagelle Juve-Fiorentina: si salvano solo Ronaldo e Chiesa VOTI

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

I voti ed i giudizi ai protagonisti dell’anticipo di Serie A tra la formazione viola ed i bianconeri: pagelle Juve Fiorentina

Le pagelle dei protagonisti del match di Serie A tra la Juventus e la Fiorentina. LA CRONACA DEL MATCH

Szczesny 5.5 – Non perfetto in avvio sulla rete di Vlahovic, bravo a chiudere su Castrovilli. Può fare poco sulle altre marcature.

Cuadrado 4.5 – Brutta entrata su Castrovilli: rosso diretto e squadra in dieci.

De Ligt 5.5 – Vlahovic lo brucia in partenza, poi non commette grossi errori. Dal 87′ Frabotta SV

Bonucci 4.5 – Rischia tanto nel primo tempo consegnando la palla Caceres, manda fuori tempo Alex Sandro sulla seconda rete e sbaglia sulla terza rete della Fiorentina: serata da dimenticare.

Alex Sandro 5 – Sfortunato sull’autorete, troppo morbido su Caceres sulla terza rete viola.

Ramsey 5.5 – Inizio a rilento, poi Pirlo lo toglie per ridare equilibrio in difesa dopo l’espulsione di Cuadrado. Dal 20’ Danilo 5.5 – In campo a freddo, se la cava di esperienza.

McKennie 5.5 – Un’altra buona prova dello statunitense in entrambe le fasi. Dal 72′ Kulusevski SV

Bentancur 5 – Meno brillante rispetto alle ultime occasioni, commette tanti errori.

Chiesa 6 – Sarà l’appuntamento con la sua ex squadra ma l’approccio alla gara è un pizzico nervoso e non riesce a cambiare passo come vorrebbe sul medio e lungo termine. Gli va riconosciuto il massimo impegno nel corso della ripresa che chiude in crescendo.

Ronaldo 6 – Prova a tenere viva la squadra cercando la rete in tutti i modi.

Morata 5.5 – Corre tanto con la squadra in dieci e copre tutti gli spazi, Pirlo lo lascia negli spogliatoi all’intervallo per un esterno di ruolo. Dal 46’ Bernardeschi 5.5 – Prova a dare una soluzione partendo da sinistra, non incide particolarmente.

All. Pirlo 4.5 – I rischi della partita, la decima in trentuno giorni, erano evidenti alla vigilia. Squadra stanca, partita subito in salita e difficile da riprendere in mano. Brutto però il crollo nella ripresa, gestione dei cambi da rivedere.

Condividi