Connettiti con noi

News

Pagelle Pescara Juve Primavera: prima gioia Mbangula, ispira Bonetti VOTI

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

I voti e i giudizi ai protagonisti del match dell’undicesima giornata di campionato: pagelle Pescara Juve Primavera

I voti e i giudizi ai protagonisti del match dell’undicesima giornata di campionato: pagelle Pescara Juve Primavera. LA CRONACA DEL MATCH

Scaglia 5.5 – Macchia la sua partita sbagliando l’uscita sul gol di Sakho.

Savona 6.5 – Licenza d’offendere e attaccare: copione già visto e rivisto, una chiave di questa Juventus. Va vicino al gol nel primo tempo.

Dellavalle 6.5 – Titolare all’ultimo visto il forfait di Citi. Si fa trovare pronto, focalizzato sulla partita: bel segnale per Bonatti.

Nzouango 6.5 – Solidità minimo comune denominatore della sua stagione. Quasi mai in difficoltà.

Turicchia 6 – Stava per combinarla grossa nel primo tempo, ma Dalle Monache grazia la Juventus. Si riscatta col passare dei minuti.

Chibozo 6 – Si adatta ancora ad un abito (esterno destro) che non esalta propriamente le sue qualità. Ma lui è generoso, al servizio della squadra, e trasforma in oro qualche buon pallone. Dal 78′ Strijdonck SV.

Omic 6 – Distrugge per poi creare. Bene nell’interdizione, trasforma da inoffensiva ad offensiva con facilità.

Bonetti 7 – Sua l’invenzione ad apparecchiare il gol di Mbangula. QI sopra la media a centrocampo. Dal 78′ Doratiotto SV.

Iling 5.5 – Una punizione velenosa e poco più. Non imprime il suo marchio nell’incontro, entrando pochissimo nel vivo del gioco. Dall’85’ Rouhi SV.

Turco 6 – Partita che dura 20′. L’uscita sgraziata di Lucatelli lo abbatte, lui prova a stringere i denti poi è costretto al cambio. Dal 20′ Mbangula 7 – L’arma a partita di corso di Bonatti ripaga ancora la sua fiducia. Primo gol in Primavera, impatto importante sul match.

Cerri 6.5 – Nell’unica palla gol avuta a disposizione sfiora il palo. Svolge un lavoro fondamentale, alzando il baricentro della squadra. Dall’85’ Citi SV.

All. Bonatti 6 – Dominio per quasi tutta la partita. Il gol sembrava non arrivare, poi il lampo. Beffa finale per i bianconeri.