Paro a RBN: «Juve, sfrutta gli spazi che lascia l’Ajax. Allegri sa come fare»

matteo paro juventus crotone
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex centrocampista della Juventus parla dell’imminente sfida tra l’Ajax e i bianconeri. Le parole di Matteo Paro

Matteo Paro, ex centrocampista della Juventus attualmente impegnato nel corso per diventare allenatori a Coverciano, è intervenuto nel corso di TerzoTempo su Radio Bianconera. Di seguito le sue dichiarazioni

CORSO ALLENATORI – «Sto studiando al corso di Coverciano. Sono tre giorni a settimana, otto ore al giorno per otto settimane. Una full immersion che ti prepara su tutti gli aspetti del gioco»·

JUVE-MILAN – «Il Milan nel secondo tempo mi è piaciuto molto, nella ripresa è venuta fuori la Juve facendo valere la qualità dei suoi giocatori».  

SERIE B – «Io all’epoca avevo 23 anni. C’era all’inizio un po’ di confusione. La forza della Juve è stata quella di aggrapparsi ai campioni. In quel momento loro sono stati capaci di portare in Serie B lo spirito Juve. Di lì si è partiti ricostruendosi, anche come immagine. Dalle difficoltà si rinasce più forti».

CHIELLINI – «Ora è anche più completo dal punto di vista tecnico, è il modello che tutti i difensori dovrebbero seguire».

AJAX-JUVE – «Penso che sarà una partita diversa da quella del Wanda Metroplitano. La Jue trova una squadra diversa dall’Atletico che si giocherà la partita a viso aperto. Allegri sbaglia poco tatticamente e preparerà la squadra a una gara di questo genere. la Juve dovrà essere attenta e dovrà sfruttare gli spazi che lasceranno gli avversari».