Pecchia Juventus U23: l’impronta data dal tecnico ai bianconeri

Iscriviti
pecchia
© foto www.imagephotoagency.it

Pecchia Juventus U23: l’impronta data dal tecnico ai bianconeri in questa prima parte di stagione 2019/2020

Tra i segreti del positivo avvio di stagione della Juventus U23, un posto in prima fila è occupato dell’identità data dall’allenatore Fabio Pecchia. Arrivato in estate sulla panchina bianconera, l’ex Hellas Verona ha saputo portare la sua esperienza alla guida di una squadra composta da tanti giovani in rampa di lancio per un roseo futuro davanti a loro.

Un progetto sposato con le giuste motivazioni da parte di Pecchia, che aveva rilasciato queste dichiarazioni al suo arrivo sulla panchina dell’Under 23. «L’ho accettata con grande entusiasmo. Ho vissuto questa esperienza indirettamente col Real Madrid, lavorando con Benitez. So che tutto viene vissuto in virtù della prima squadra, con le difficoltà del caso. Cercherò di portare la mia esperienza».

Pecchia Juventus U23: l’impronta data dal tecnico

Nessuno stravolgimento tattico. Giocatori schierati secondo le proprie caratteristiche in modo da tirar fuori tutto il potenziale. Due prerogative importanti nello scacchiere bianconero, variato molto nel corso della stagione dal 4-3-3 al 4-3-1-2, fino al consolidarsi del 4-2-3-1. Un modulo che ha esaltato l’imprevedibilità e la qualità di un reparto avanzato ricco di talento, ‘protetto’ da un’ossatura solida alle sue spalle.

Un duo centrale granitico compone la difesa a quattro insieme a due terzini di spinta e velocità. Mediana tutta muscoli e sostanza, poi, a guardare le spalle al fantasioso trittico alle spalle dell’unica punta. L’identità, partita dopo partita, è stata assemblata e iniettata nelle vene dei giocatori, sempre più immersi in un progetto dai risvolti fondamentali in ottica futura.

Condividi