Pioli: «Orgoglioso della prestazione. Quello di Calabria non era rigore»

© foto www.imagephotoagency.it

Stefano Pioli, allenatore del Milan, ha parlato al termine del match del Giuseppe Meazza tra i rossoneri e la Juventus

Stefano Pioli ha parlato ai microfoni di Rai Sport al termine del match di San Siro tra i bianconeri ed il Milan. Il tecnico rossonero ha commentato la gara ed analizzato la prestazione dei suoi.

LA PRESTAZIONE«Sono molto orgoglioso come credo che lo siano anche i tifosi della prestazione. Volevamo e meritavamo un risultato diverso ma ci prepareremo bene per far bene anche al ritorno».

RIGORE«Mi sono arrabbiato perché c’era un fallo su Ibrahimovic a inizio azione e poi mi ricordo benissimo alla riunione che avevamo fatto con gli arbitri che diedero in Cagliari Brescia e dissero che era un errore perché il giocatore non vedeva il pallone e non poteva tagliarsi le braccia. Quando salti usi le braccia, è stato colpito prima che lui avesse il tempo di mettere le braccia a posto. Un giocatore non può scomparire. Non mi sembrava neanche che Ronaldo avesse colpito così bene la palla da andare verso la porta. Comunque ho chiesto il massimo e hanno dato il massimo».

REBIC«Sicuramente ci ha messo molto del suo. È tornato con entusiasmo e disponibilità. Anche il fatto di giocare un po’ più vicino ad Ibra lo ha avvantaggiato. Mi auguro che mantenga questa determinazione e qualità, sta diventando molto importante per noi».

ARBITRAGGIO – «Mi sento orgoglioso della squadra, un po’ meno di altre cose».

Condividi