Pirlo: «Vittoria importante per noi stessi, Chiesa comprato per questo»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Andrea Pirlo, allenatore della Juve, ha parlato dopo la partita contro il Milan, valida per la 16ª giornata di Serie A. Le sue parole

Ai microfoni di Sky Sport, Andrea Pirlo ha rilasciato un’intervista dopo la partita tra Milan e Juve. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.


VITTORIA – «Era importante per noi stessi, non abbiamo visto gli altri risultati. Eravamo attenti e concentrati, guardiamo partita dopo partita e poi vedremo dove saremo. Era importante avere questo spirito di giocarsi la partita contro la prima».

CHIESA – «Il suo ruolo è quello. Lo abbiamo comprato per fargli fare l’uno contro uno negli ultimi trenta metri. A volte gioca destra, a volte a sinistra per necessità».

RABIOT – «Veniva da due turni di squalifica. Era fresco e aveva voglia di giocare. Quandp è in queste condizioni può fare box to box. Non sa neanche lui che potenzialità ha».

BENTANCUR AMMONITO – «Era anche stanco e abbiamo preferito toglierlo».

GOL SUBITO – «C’è da fischiare prima di tutto il fallo su punizione. poi vengono gli errori della squadra. Danilo deve essere più aggressivo per la preventiva, ma anche il resto della squadra doveva scappare e posizionarsi meglio. Ma nasce tutto da un fallo non fischiato».

DYBALA – «Sono tutti titolari, come no. Ho la fortuna di poter scegliere partita per partita. Avevamo bisogno che riprendesse la condizione fisica, non sta benissimo neanche adesso perché a fine primo tempo non stava bene. Stiamo aspettando che sia al 100%. Rinnovo? Non sono cose che mi riguardano. Penso ad allenare, i contratti li fa la società».

THEO HERNANDEZ ANNULLATO – «Avevamo studiato che serviva un giocatore che lo puntasse e lo tenesse bloccato. Anche lui non era poi così libero, avendo un giocatore come Chiesa velocemente per ripartire».

Condividi