Pistocchi: «L’algoritmo non è sport perché trascura l’imponderabile»

pistocchi
© foto www.imagephotoagency.it

Maurizio Pistocchi ha commentato l’ipotesi dell’algoritmo per decretare la classifica in caso di ulteriore stop

Maurizio Pistocchi ha parlato ai microfoni di Radio Marte del tema algoritmo che andrebbe, in caso di sospensione del campionato, a completare la classifica del campionato di Serie A.

ALGORITMO – «L’algoritmo per decidere la classifica di Serie A? L’algoritmo non è sport, perché trascura l’imponderabile: un rigore sbagliato, l’errore arbitrale, l’effetto Pjanic sullo scudetto di due campionati fa, un autogol… Può essere usato nella gestione dei club per analizzare gli andamenti della squadra, dei singoli e dei collettivi; ma non credo sia accettabile per determinare risultati e classifiche. Sono molto più favorevole a playoff e playout, perché sarebbero spettacolari al 100%. Questa soluzione potrebbe sovvertire qualche pronostico, ma almeno è sport e quindi la preferisco».

Condividi