Lasci la Juve e poi te ne penti: Paul Pogba come Alvaro Morata?

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Chi lascia la Juventus poi se ne pente? Alvaro Morata è tornato in bianconero, Paul Pogba si sente in crisi

E se poi te ne penti? Alvaro Morata e Paul Pogba hanno scelto di lasciare la Juventus per motivi diversi e per due lidi diversi ma entrambi sono rientrati alla casa madre: lo spagnolo, nell’estate del 2016, tornò al Real Madrid con i Blancos che decisero di esercitare la famosa clausola di recompra; il francese tornò al Manchester United che lo aveva perso a parametro zero quattro anni prima, per oltre 100 milioni di euro. Morata poi è andato via da Madrid un anno più tardi, firmando prima con il Chelsea e poi con l’Atletico Madrid, mentre Paul Pogba veste ancora la maglia dello United. L’avventura in Premier League non è stata semplice per il Polpo. Grandissime le aspettative su di lui e ogni errore rimarcato sia con la matita rossa che con la matita blu. Nei suoi 4 anni alla Juventus il francese è arrivato a segnare 34 gol, andando per due volte in doppia cifra. Allo United, in 5 anni, il quinto è quello attuale ha segnato 32 gol con l’exploit del 2018-2019 con 16 reti, sua miglior stagione di sempre a livello numerico. Ma a parte i gol, a non convincere sono le prestazioni. Paul Pogba, secondo gli inglesi, non è più tornato ai livelli della Juventus e un ritorno in bianconero potrebbe solo fargli bene.

Le parole d’amore di Pogba alla Juventus

«Pogba ha enormi qualità, ma porta troppa negatività in squadra. Vederlo tornare ai suoi livelli mi sembra molto molto difficile. L’agente di Pogba dice che la Juve è casa sua. Ha lasciato casa per un pacchetto vacanza, ma è durato troppo a lungo e ora ha nostalgia di casa. Questo è quello che sembra da fuori» parole al Daily Mail dell’ex calciatore del Manchester United Paul Parker. E il Polpo? Prima della sfida tra Juve e Manchester United di un paio d’anni fa in Champions, si lasciò andare con parole d’amore: «La Juventus è fin qui il club più importante della mia carriera, sono molto grato e felice per l’amore, la fiducia e l’opportunità che ho avuto alla Juve che ha avuto un ruolo cruciale nel fare di me il giocatore che sono oggi. Non accetto che le mie parole vengano interpretate male: la Juve ha un posto speciale nel mio cuore, la città e la società. I tifosi mi hanno fatto sentire a casa, mi hanno sempre sostenuto e sono fantastici».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Paul Labile Pogba (@paulpogba)

Pogba come Morata. E il consiglio di Marchisio

Ecco, Morata è tornato a ‘casa’ ed è rinato. E se lo facesse anche il Polpo? Le dichiarazioni di Deschamps di qualche giorno fa («Nel suo club sta vivendo una situazione che non gli permette di essere felice. Non può nemmeno essere soddisfatto di quanto gioca e della sua posizione in campo») hanno trovato riscontro nelle parole dello stesso centrocampista francese che non ha smentito il c.t. francese: «Non avevo mai affrontato un momento così complicato nella mia carriera sportiva. Venire in Nazionale è una pompa di ossigeno per me. Siamo una famiglia, siamo tutti molto legati. Il gruppo è magico ed eccezionale». Paul è in crisi e le voci sul ritorno alla Juventus non sono mai mancate. Pogba potrebbe seguire le orme del suo vecchio compagno bianconero Alvaro Morata che è ‘rinato’ dopo aver sposato nuovamente la Vecchia Signora. Vivere in un ambiente che ti dà fiducia e ti fa sentire a casa è sempre un aspetto importante. E i tifosi sarebbero dalla sua parte. Il primo sarebbe il suo ex compagno Claudio Marchisio: «Per favore Pogba torna alla Juve, qui sarai di nuovo felice».

LEGGI ANCHE: Daly (Daily Star): «Pogba ha deciso: ecco dove vuole giocare» – ESCLUSIVA

Condividi