Connettiti con noi

News

Porto Juve: le tre cose che non hai notato

Pubblicato

su

Porto Juve: le tre cose che non hai notato della partita del do Dragao. Gli episodi curiosi sfuggiti all’attenzione dei più

Porto-Juve: le tre cose che non hai notato. Oltre la sconfitta, oltre la prestazione infausta, oltre i due inspiegabili gol subiti. Tre episodi sfuggiti all’attenzione dei più.

1. Falsa partenza, non solo quella della Juve

Nel senso che il gol subìto dopo un minuto non è stato l’unico imprevisto di un inizio complicato. Calcio d’inizio e… pallone da cambiare perché sgonfio

2. Rabiot-Kulusevski e Ronaldo-Alex Sandro: autoscontri

La partita della Juventus è ben riassunta dai due scontri (uno per tempo) tra Rabiot-Kulusevski e Ronaldo-Alex Sandro. Il secondo, in particolare, ha dell’incredibile

3. L’arbitro non vede il rigore: Pirlo chiede spiegazioni

Dopo il triplice fischio Pirlo va a chiedere spiegazioni all’arbitro del Cerro Grande per il rigore non fischiato a Ronaldo. «È un episodio che pesa. L’arbitro ci ha dato una spiegazione tutta sua dicendo che la partita era praticamente finita. Ma era rigore netto, bisognava avere il coraggio di andarlo a rivedere», dirà il tecnico nel post gara.