PUNTO A CAPO – Gigi Buffon, protagonista in punta di piedi

buffon-juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Gigi Buffon, secondo di lusso, è ancora a caccia di record da battere. Intanto si allena per un futuro in panchina e valuta il rinnovo

Non era prevedibile e nemmeno scontato che Gigi Buffon riuscisse a calarsi così bene nella parte del secondo – vice Szczesny. Il più delle volte i ritorni sono giri a vuoto, ma non quello dell’ex capitano juventino che dall’alto della sua esperienza sapeva esattamente cosa fare, già dal primo giorno. Mai ingombrante: ha rifiutato la fascia di capitano a partire dal precampionato in favore di Bonucci, per non alterare le gerarchie e gli equilibri dello spogliatoio. Sempre decisivo: per eventuali dubbi rivedersi le partite contro Verona e Bologna, ma non solo.

Mai una parola fuori posto, mentre al posto suo in molti avrebbero iniziato a sbuffare, e sempre pronto a sostenere Szczesny (a un passo dal rinnovo). Ha incanalato il suo agonismo in favore del gruppo, rivelandosi decisivo nei rapporti allenatore – giocatori. L’affiancamento a Sarri e Martusciello in veste di vice aggiunto sta dando i suoi frutti e potrebbe rivelarsi molto utile per un eventuale futuro da allenatore. Ci sarà tempo per pensare alla panchina, dopo aver superato le 903 presenze di Maldini nei club ora Gigi punta al record delle presenze in A. E l’unica coppa (la Champions) che manca alla sua collezione, il rinnovo per un altro anno in bianconero al momento non sembra utopia.

Condividi