PUNTO A CAPO – Juve, il segreto della difesa meno battuta del campionato

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo un avvio stentato, e senza Chiellini, la difesa della Juve è tornata la meno battuta della A. Qual è il segreto dei bianconeri?

L’unione fa la forza, dentro e fuori dal campo. E la vecchia guardia della Juventus è più salda che mai. Giorgio Chiellini all’inaugurazione del J-Hotel ci scherza su: «Spesso noi tre più anziani, Leonardo, Gigi, ed io veniamo a dormire qui quando le nostre famiglie sono fuori città». Ma fino a un certo punto, perché uno dei segreti di questa Juventus è proprio l’alchimia di una difesa tornata ad essere la meno battuta della A con 9 reti, dopo un avvio incerto e nonostante l’infortunio di Chiellini.

Dopo l’operazione al crociato di Giorgio è scattato qualcosa, e tutti i “vecchi” hanno dato qualcosa in più per sopperire all’assenza del capitano. Bonucci con la fascia al braccio si è riscoperto leader, lo è sempre stato Buffon, dopo aver fatto un passo indietro nei confronti di Szczesny e due in avanti per sostenere Sarri a livello di spogliatoio. Chiellini è sempre rimasto accanto alla squadra, in tutte le partite, anche in stampelle, e da quando è arrivato Barzagli a curare la fase difensiva alla Continassa i gol sono diminuiti e la fiducia in aumento, proprio come quella di de Ligt. Per ritrovare l’equilibrio in difesa, in fondo, è bastato ricomporre la BBC.