PUNTO A CAPO – Juve ancora senza Chiellini, ora serve il suo agonismo

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Altro infortunio per Chiellini che salterà Dinamo e probabilmente il derby. Senza il capitano la Juve ha un deficit di personalità

Avvio di stagione da dimenticare per Chiellini, tra acciacchi, infortuni muscolari e partite saltate. Un periodo di “adattamento” era da mettere in preventivo dopo il brutto infortunio dell’anno scorso, ma da inizio campionato Pirlo non ha mai potuto veramente contare sul capitano; appena quattro le partite giocate e sette quelle vissute dai box. Non ci sarà contro la Dinamo e probabilmente anche nel derby per un problema muscolare alla coscia destra, la sua assenza va a ridisegnare gli equilibri della difesa e pesa come un macigno soprattutto a livello di gruppo e spogliatoio.

Lui e Ronaldo in questo momento incarnano lo spirito juventino più e meglio di qualsiasi altro giocatore: il guerriero infaticabile che si è conquistato le stelle partendo dal basso, sporcandosi i pantaloncini, col sangue e il sudore. E la stella senza età, già a quota 9 reti stagionali, l’elemento che sposta gli equilibri più di tutti e di cui la squadra non può fare a meno. La Juve sta imparando a prescindere da Chiellini, con il ritorno di de Ligt, il rientro (prossimo) di Bonucci e di Demiral ma il passaggio di consegne non è scontato e nemmeno immediato. Perché Chiellini è anche anima, carattere, lucidità e agonismo, spesso indirizza i compagni con la scivolata al momento giusto o detta il ritmo con un gesto o un urlo. La personalità a cui fa riferimento Pirlo dopo il Benevento troppo spesso in questa Juve è rimasta in infermeria.

Condividi