Connettiti con noi

News

PUNTO A CAPO – Juventus in isolamento, ma mai così unita

Alberto Mauro

Pubblicato

su

agnelli

In attesa dei test collettivi nella giornata di lunedì, 121 persone della Juventus sono in quarantena, compresi Agnelli, Nedved e Paratici

La notizia della positività di Daniele Rugani al coronavirus – primo caso in Serie A – ha sconvolto la quotidianità della Continassa, attivando i protocolli sanitari previsti dalle normative. Tradotto: allenamenti sospesi, ottavi di ritorno contro il Lione rinviati a data da destinarsi ma soprattutto Juventus in quarantena, senza sconti. I giocatori sono in isolamento volontario, tra le loro abitazioni e il JHotel (struttura per l’occasione chiusa al pubblico), per limitare gli spostamenti ed evitare di contagiare i familiari.

Rugani (che ha già incassato la solidarietà di tutto il mondo del calcio e non solo), Bernardeschi e Chiellini sono ognuno nella sua stanza d’hotel, più uniti che mai anche se a distanza di sicurezza. Ma non solo, perché la Juve è una grande macchina e insieme ai giocatori della prima squadra ci sono altre 121 persone in quarantena, tra dipendenti, magazzinieri, fisioterapisti, camerieri, e ovviamente dirigenti. Tutti insieme, in uno dei momenti più delicati dal dopoguerra, compresi Agnelli, Nedved e Paratici, in isolamento proprio come tutti gli altri. In attesa di ulteriori test e dei tamponi previsti per i giocatori nella giornata di lunedì al fine di accertare eventuali altri contagi, la società si è mossa con una donazione di 300 mila euro per le strutture sanitarie piemontesi. Distanti ma più uniti che mai, nel combattere l’avversario più temibile di sempre.

Continua a leggere
Advertisement

Copyright © Juventus News 24 – Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sportreview S.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.