Connettiti con noi

Hanno Detto

Rabiot, la mamma tuona: «Niente da dimostrare. In Italia lo criticano ma…»

Pubblicato

su

Veronique, madre di Adrien Rabiot, risponde alla critiche dirette al figlio. La sfuriata della procuratrice del centrocampista

Ai microfoni di Ouest-France parla la mamma e procuratrice di Adrien Rabiot, Veronique, che ha risposto così alle tante critiche verso il centrocampista.

RISPOSTA ALLE CRITICHE – «Adrien non ha nulla da dimostrare, gioca a calcio ed è la sua passione dentro e fuori dal campo. Quando non gioca vorrebbe avere una vita discreta e non passare il tempo a giustificarsi. In Italia dicono che non è buono, ma a lui non importa giocare tutte le partite. L’obiettivo dei calciatori è raggiungere i livelli massimi, ma non tutti sanno quanti sacrifici ci vogliono e che mente d’acciaio serve per affrontare questa vita. Tutti pensano che sono strapagati, ma non sanno nulla».

RETROSCENA – «A mio figlio non hanno mai perdonato niente, già da quando aveva 17 anni è stato sempre criticato. Tutti commettono errori nella vita, a volte si dimentica che i calciatori iniziano da adolescenti e non sono robot. Devono anche diventare uomini e crescere. Tra me e lui c’è un rapporto straordinario, che a volte si divide tra madre e agente. Capita che ci ritroviamo a parlare e gli do consigli come mamma, lui mi parla e a volte si risparmia delle cose che dovrebbe dire alla Véronique agente».