Ribalta (ex capo scout Juve): «Punto sul ritorno di Pogba»

pogba
© foto www.imagephotoagency.it

Ribalta (ex capo scout Juve): «Punto sul ritorno di Pogba». Così l’attuale ds dello Zenit sul mercato dei bianconeri

Javier Ribalta, ex braccio destro di Paratici ed attuale direttore sportivo dello Zenit. è stato intervistato da Tuttosport.

CRESCITA JUVE – «Da quando c’è Andrea Agnelli presidente e ci sono questi dirigenti, la crescita del club è stata costante. Con l’acquisto di Ronaldo hanno stupito il mondo del calcio e un po’ anche me, che pure li conosco bene».

LOKOMOTIV MOSCA-JUVE – «A Torino mi sarei immaginato una gara più facile per la Juve, invece i bianconeri sono riusciti a risolverla sol- tanto alla fine. La Lokomotiv è una squadra tosta e ha un allenatore esperto come Semin. Puntano su difesa e contropiede anche in casa. E in ripartenza sono pericolosi. Per certi aspetti sono una formazione più italiana che russa. Contro di noi, soprattutto nella prima mezz’ora, sembravano loro quelli in trasferta: ci aspettavano tutti dietro. La Juve è favorita, ma come all’andata sarà tutt’altro che una passeggiata».

DE LIGT – «L’acquisto dell’olandese è stato un segnale di forza inviato all’Europa: parliamo di un difensore che volevano tutte le big. Ho sentito tante critiche in questi mesi. Di errori ne commettono tutti, ma De Ligt è un giocatore top e il suo valore non si discute».

PROSSIMO RONALDO – «Haaland, Joao Felix, Mbappé o Pogba? Nessuno dei quattro mi sembra semplice, però una pizza con un amico me la giocherei sul ritorno di Pogba. Senza Champions, Paul è destinato a lasciare il Manchester United».