Rincon dopo Crotone: «Finalmente ho giocato 90 minuti»

rincon
© foto www.imagephotoagency.it

Bianconeri vittoriosi per 2-0 sul Crotone nel recupero della recupero 18a giornata di campionato. Ecco le dichiarazioni a fine match di Rincon e Allegri

Rincon, autore dell’assist per Higuain che ha portato i bianconeri sul 2-0 chiudendo di fatto i giochi: «Sono molto soddisfatto perchè abbiamo fatto una bella partita. Sono contento di avere giocato per novanta minuti, era da un po’ che non mi capitava. Mi sono inserito subito bene in questo gruppo grazie all’aiuto dei compagni che mi hanno spiegato come era il meccanismo Juve. La mentalità di questa squadra è sempre vincente, l’impatto è stato subito buono per me. Abbiamo tanta qualità in ogni reparto, vogliamo vincere ogni partita. Io lavoro per trovare il mio spazio, sapevo che avrei trovato tanta concorrenza qui e cerco di farmi trovare sempre pronto per vincere il più possibile».

Massimiliano Allegri al termine della gara contro il Crotone analizza la partita della sua squadra: «Siamo stati bravi a non perdere la pazienza e a rimanere calmi anche se il vantaggio tardava ad arrivare. Sapevamo che i numeri del Crotone dicevano che nella parte finale perdevano sovente le partite. E così è stato. Ho ruotato cinque giocatori diversi rispetto alla gara con l’Inter di domenica scorsa perchè abbiamo tante gare da affrontare e più riesco a ruotare uomini più possiamo fare partite di intensità e di livello. Nel primo tempo ci muovevamo poco, circolazione palla lenta, non davamo ampiezza. Ho invertito quindi Dybala con Pjaca. Nel secondo tempo abbiamo accelerato, ci siamo mossi di più. E una volta sbloccato il risultato tutto è stato più facile. Ora siamo a più 7 dalla seconda ma questo significa e non significa. Il campionato è ancora lungo, occorre fare più di 86 punti per vincere lo scudetto…». Non manca una disamina sulla prestazione di Pjaca, osservato speciale della gara: «Ha giocato una buona partita. Era la prima da titolare per lui, non era facile. Deve crescere, ha grandi potenzialità, è giovane. Ma basta vederlo toccare la palla e capisci che ha un futuro importante. Si sta calando sempre più nella realtà della Juve, ha la giusta mentalità a livello offensivo e difensivo. Pjanic? Gioca in una posizione dove si trova a suo agio perchè divide il campo in due con l’altro mediano. Tra due o tre anni potrà giocare anche davanti alla difesa».

Articolo precedente
Niccolò GiannettiNiccolò Giannetti, quando un gol al Manchester City non basta
Prossimo articolo
tendermario#TenderMario, provate a intenerire Mandzukic