Ronaldo, l’ex compagno Danny è sicuro: «Segnerà tanti gol»

© foto www.imagephotoagency.it

Danny e Ronaldo hanno giocato insieme nella Nazionale portoghese e il giocatore ex Zenit è sicuro che CR7 farà bene anche in Italia

L’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus ha spiazzato tutti. Ad inizio trattativa erano in pochi quelli che credevano nella riuscita dell’affare, ma alla fine Marotta e Paratici sono riusciti a mettere a segno il colpo del secolo. Ora Ronaldo è già titolare inamovibile dello scacchiere di Allegri, anche se nelle prime tre giornate di Serie A non è ancora riuscito a trovare il gol.

Tutto normale, comunque. Il fenomeno portoghese è ancora indietro di preparazione e, per questo, ha deciso di declinare la convocazione del Portogallo per rimanere a Torino e migliorare. L’assenza dal gol di CR7 preoccupa qualcuno, ma sicuramente no Danny. L’ex giocatore dello Zenit, ora in prestito al Maritimo, è stato compagno di Nazionale di Ronaldo. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Danny ha spiegato che «Segne­rà un sacco di gol. Non importa come ha iniziato quest’avventura, conta soltanto come la finirà… Dategli il tempo di fare il primo, poi arriveranno subito tutti gli al­ tri. E non si fer­merà più. Lo sanno tutti: come calciato­ re e come uomo, Cristiano ha bisogno della sfida. E arrivare a Torino a 33 anni è la sua nuova sfida: in qualche modo, lui ave­ va bisogno della Juve per trova­re nuove motivazioni. Per al­lungare la carriera e continua­re a dimostrare che non c’è nel mondo un giocatore più forte. Pensate a quello che ha rag­giunto in questi anni: è andato in Inghilterra ed è riuscito nel­l’obbiettivo di vincere il Pallone d’oro, è andato in Spagna e ha vinto lo stesso premio altre quattre volte. Adesso in Italia vuole dimostrare a tutti che può vincerne un altro. La Juventus era già molto forte e negli ultimi anni è cresciuta, andando spes­so vicina alla Coppa. Ma ades­so ha messo in squadra un vin­cente, uno che si esalta nelle par­tite più difficili. Quando c’è un match decisivo, bisogna stare tranquilli: Cri­ stiano in qualche modo risolve».

Articolo precedente
simone padoin cagliari juvePadoin e la sua nuova vita al Cagliari. Ma non dimentica gli anni alla Juve e Conte
Prossimo articolo
Juventus, tutta la “halma” di Allegri: le soluzioni del mister