Sacchi polemico: «Alcuni giocatori della Juve difettano di modestia»

sacchi
© foto www.imagephotoagency.it

Arrigo Sacchi, ex allenatore del Milan, ha parlato così della sconfitta patita dalla Juve domenica sera a Napoli

Nel suo editoriale sulle pagine de La Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha commentato così la sconfitta della Juve contro il Napoli. Di seguito riportate le parole dell’ex allenatore del Milan.

NAPOLI JUVE«Una domenica bestiale: le tre big conquistano soltanto due punti sui nove possibili. La Juventus di Sarri perde meritatamente a Napoli. Maurizio deve fare una scelta: è stato ingaggiato per dare un gioco di squadra diverso dal passato con prospettive di vincere in Europa. Deve riuscirci, altrimenti tradirà la sua cultura, il suo talento e il club che lo ha ingaggiato. Oggi i bianconeri faticano a essere un gruppo di lavoro omogeneo e organizzato: alcuni di loro difettano di modestia, volontà e spirito di squadra. Un gruppo di solisti non ha mai prodotto buona musica. Il calcio ha una filosofia che non prevede eccessi di protagonismo, di individualismo e di avidità. Bisogna prediligere sempre il correre, il lottare, il sacrificarsi per i compagni. Così come il lavoro collettivo e l’intelligenza dei propri calciatori. Se qualcuno non ha le caratteristiche tecniche o agonistiche per praticare il gioco di un tecnico, occorre farlo riposare. Oggi i bianconeri sono un ibrido: quando va bene giocano a sprazzi, ma al San Paolo non sono riusciti a fare neppure questo. Il Napoli del grande Rino Gattuso ritrova spirito di squadra e motivazioni: si spera che sia per tutti i giocatori il futuro «modus vivendi» da qui fino alla fine del campionato».

Condividi